Venerdì 23 Giugno 2017

Faenza, inaugurazione della mostra al Museo del Risorgimento di Palazzo Laderchi

Giovedì 1 Ottobre 2009 - Faenza, Castel Bolognese
Venerdì 2 ottobre, alle ore 18, è prevista l'inaugurazione della mostra "Dall'Età Napoleonica alla Spedizione dei Mille" presso il Museo del Risorgimento di Palazzo Laderchi, in Corso Garibaldi n.2. L'interessante mostra può essere occasione per riscoprire il Museo del Risorgimento e dell'età Contemporanea ospitato oggi a Palazzo Laderchi.  L'origine del museo risale al 1904, quando fu allestita in modo permanente, in un locale annesso alla Pinacoteca Comunale, una mostra dedicata al contributo dei faentini al Risorgimento italiano, già presentata all'esposizione Regionale Romagnola di Ravenna.
Intorno agli anni Venti, il Museo fu chiuso per consentire un allargamento degli spazi espositivi della Pinacoteca, mentre l'allestimento di una mostra sull'indipendenza italiana determinò un ulteriore incremento della raccolta con documenti e cimeli sulla Prima Guerra Mondiale.

Nel 1929 il Museo fu riaperto e sistemato nei locali della Biblioteca a cura dell'allora direttore Pietro Zama. Nel 1960 si aggiunsero al Museo altre testimonianze sulla lotta di liberazione. Il nucleo più significativo, dall'età napoleonica all'Unità d'Italia, comprende stampe, fotografie, dipinti, proclami, locandine, armi, bandiere, uniformi e cimeli vari. Nuovamente chiuse al pubblico nel 1976, le raccolte sono state conservate in un deposito, mentre presso la Biblioteca comunale era consultabile la documentazione cartacea comprendente anche numerosi autografi.

Nel 2001 il Museo è stato riallestito nella odierna sede di Palazzo Laderchi; cornice migliore non poteva essere individuata, date le posizioni di rilievo dei Laderchi in età napoleonica e nel successivo periodo risorgimentale. 

0Commenti ...Commenta anche tu!



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it