Lunedì 24 Novembre 2014

Approvata mozione del gruppo Fatti sentire sull'utilizzo di animali esotici negli spettacoli

Mercoledì 15 Febbraio 2012
Foto di Raffaele Tassinari

Il Consiglio comunale di Faenza ha approvato una mozione per l'assoluto divieto sul territorio comunale di utilizzare ed esporre animali appartenenti sia a specie selvatiche italiane sia a specie selvatiche esotiche, in attività di spettacolo ed intrattenimento pubblico.

La mozione presentata dal Gruppo Fatti Sentire è stata approvata con 21 voti favorevoli e 4 contrari. Hanno votato a favore: PD, Insieme per Cambiare, Lega Nord (ad eccezione del capogruppo Minardi), Fatti Sentire. Contrari 2 consiglieri del PDL e astenuti il capogruppo della Lega Nord Minardi e La tua Faenza-UDC.

Sindaco e Giunta si impegnano ad approvare il seguente Regolamento:

  1. È fatto assoluto divieto sul territorio comunale di utilizzare ed esporre animali appartenenti sia a specie selvatiche italiane sia a specie selvatiche esotiche, in attività di spettacolo ed intrattenimento pubblico.
  2. Fermo restando quanto stabilito dall'art. 1, e recependo le raccomandazioni della Commissione Scientifica CITES (vedi Allegato - Prot. n. 34891 del 20.09.2011), l'utilizzo di animali è consentito ai circhi e mostre faunistiche itineranti unicamente in base alle modalità di cui ai successivi artt. 3, 4, 5, 6.
  3. In linea con quanto enunciato dalla Commissione Scientifica CITES, l'Amministrazione Comunale ritiene doveroso proibire, all'interno del proprio territorio, l'utilizzo e l'esposizione di quegli animali per cui ne sia stata giudicata la detenzione palesemente incompatibile con strutture circensi e di spettacolo viaggiante. Per quanto sopra esposto è fatto divieto di attendamento nel territorio comunale dei circhi con esemplari delle seguenti specie al seguito: primati, delfini, lupi, orsi, grandi felini, foche, elefanti, rinoceronti, ippopotami, giraffe, rapaci diurni e notturni. Data inoltre l'evidente mancanza di normative specifiche che definiscano protocolli operativi finalizzati al controllo delle malattie infettive e diffusive che possono interessare i rettili, a differenza di altre classi di animali, l'Amministrazione Comunale ritiene doveroso proibire, all'interno del proprio territorio, l'utilizzo e l'esposizione di rettili.
  4. Per quanto attiene alle specie non oggetto di divieto, si stabiliscono qui di seguito (vedi mozione integrale allegata) le modalità di detenzione degli animali e i requisiti minimi delle strutture di detenzione (dimensioni e altre caratteristiche) necessari a soddisfare, per quanto possibile, le necessità dei singoli individui secondo la loro specie. Il rispetto delle modalità di detenzione e dei requisiti minimi è considerato una condizione minima necessaria ad evitare l'integrazione del reato di maltrattamento di animali.

17Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Faenzanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@faenzanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Meravigliosa notizia. Grazie da parte di tutti gli animali ed i loro sostenitori

    15/02/2012 - Pepita

  • Bene! Non sono un "animalista" in senso stretto, ma questo è un passo avanti dal punto di vista della civiltà!

    15/02/2012 - marcello

  • Una buona notizia, tanto per cambiare! GRAZIE a chi si è impegnato per arrivare a questo risultato .........

    15/02/2012 - Rossella

  • Era ora che venissero vietati. Adesso resta da vietare l'esposizione degli animali nei negozi, esposizione che causa forti stress e che serve solo ad impietosire le persone ad acquistarli senza pensare alle conseguenze.

    15/02/2012 - LUISA

  • finalmente! spero la mozione venga realmente messa in atto e tenuta sotto dovuto controllo.

    15/02/2012 - francesco

  • Grazie anche da parte mia. Sono perfettamente d'accordo.

    15/02/2012 - Iuri

  • Bene, bene e bene. Finalmente un bel segno di civiltà. Nei circhi fate vedere: giocolieri, saltimmbanchi, acrobati. Non poveri animali costretti ad imitare, loro malgrado, gli uomini.

    15/02/2012 - Il barba

  • purtroppo ricorreranno e come ad Alessandria vinceranno ..i circhi sono regolamentati con una legge nazionale e nessun regolamento comunale può andare sopra ad essa -(

    15/02/2012 - susnna

  • Ogni amministrazione comunale è tenuta a mettere a disposizione un'area per i circhi, e non può in alcun modo vietare una attività che lo stato riconosce e sostiene. L'hanno ribadito una sfilza di Tar, ultimo in ordine di tempo quello di Bologna, il quale ha cancellato l'ordinanza del sindaco di Ferrara che ha negato l'autorizzazione al circo Moira Orfei. E temo lo stesso accadrà qui

    15/02/2012 - susanna

  • concordo con Luisa.

    15/02/2012 - Lara

  • naturalmente abolire anche il palio..e le sagre paesane ..dove braciole e salsiccia la fanno da padroni!!! per rispetto dei suini..!!..ipocriti...li avete anche dopati...i cavalli

    15/02/2012 - azz

  • sembrerò impopolare...ma io concordo con azz....

    15/02/2012 - celeste

  • Purtroppo ho paura che non sarà possibile attuare questo regolamento in quanto una legge dello stato autorizza qusti spettacoli circensi.In ogni caso da qualche parte bisogna poi cominciare... forse se le persone cominciassero a non frequentare più gli spettacoli in cui vengono USATI gli animali si potrebbe lanciare un messaggio:sì al circo degli Artisti no a quello dello sfruttamento degli animali.

    15/02/2012 - cicognani maria luisa

  • Una bella notizia, qualcosa si stà muovendo. Adesso spero che si percorra la stessa strada anche a favore di tutti quegli animali ( cani, gatti, ...) che vivono in condizioni innaturali in appartamenti di città, quando invece dovrebbero vivere in libertà, in campagna.

    15/02/2012 - stanco

  • Bene e bello!... ora sarebbe bene e bello ua mozione di disapprovazione e censura sul "Lager" della Standiana...

    16/02/2012 - Orso Tibetano

  • Bè.. azz e celeste, palio e sagre paesane sono altra cosa, mi sembra evidente. Nel palio, se vuoi, non maltratti un cavallo, (almeno a Faenza, in alcuni altri posti, è vero, la situazione è molto più "arretrata"...). I suini utilizzati nelle sagre, almeno che non si parli con un vegetariano, sono allevati per l'alimentazione umana. Ben diversa è la condizione di animali selvatici rinchiusi per tutta la vita "contro-natura" per il nostro.... divertimento (chiamiamolo così...) oppure, analogamente, di animali uccisi solo farci bruttissime pellicce(fortunatamente ormai da tempo pure fuori moda), quando oggi la tecnologia permette di utilizzare materiali di provenienza diversa oltretutto ben più efficaci sotto questo aspetto! E chi scrive, tanto per capirci, non è certo un anti-caccia!

    17/02/2012 - marcello

  • @ maria luisa, susanna come sempre i circensi amano rigirare la verità e farla diventare qualcosa che non è... Moira Orfei ha presentato ricorso contro il Comune di Ferrara ma quello che hanno ottenuto è solamente una sospensiva dell'ordinanza. Nel merito si discuterà invece ad Aprile. Fino ad Aprile quindi, quando ci sarà una sentenza di merito, la situazione è sempre la stessa. Di per sè la sospensiva non ha alcun significato, anche perché solo due anni fa a Bologna la stessa richiesta sullo stesso tipo di testo è stata rigettata dal TAR Bologna. E non è l'unico caso, anche il comune di Modena vinse il ricorso al TAR con il circo Orfei qualche anno fa.

    17/02/2012 - Andrea



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits   CMS