Domenica 24 Settembre 2017

Faenza, domani sera Cristiano Cavina e Barbara Donati ospiti della Bottega Bertaccini

Mercoledì 11 Gennaio 2017 - Faenza
Cristiano Cavina

Riprendono le attività fra libri, arte e incontri della Bottega Bertaccini di corso Garibaldi 4 a Faenza, che domani, giovedì 12 gennaio alle 17.30, ospiterà Cristiano Cavina e Barbara Donati. Insieme hanno realizzato in esclusiva per la Bottega una cartella che contiene un racconto inedito di Cristiano "Camilla, fantasma e camomilla" e una xilografia originale di Barbara.


Una cartella numerata e firmata dagli autori, tirata in 35 esemplari dalla Vecchia Stamperia di Damiano Bandini in via Castellani e messa in vendita a un prezzo decisamente popolare. Un oggetto da collezionare.

"Siamo al quinto capitolo della nostra piccola collezione di "edizioni d'arte" - spiegano dalla Bottega -  iniziata nel 2012 con la cartella Ritrat, una poesia di Giovanni Nadiani e una xilografia di Enrico Versari; nel 2013 uscì la cartella Nuvèmbar, una poesia di Giuseppe Bellosi e una xilografia di Luigi Berardi; nel 2014 la cartella Befane, un racconto di Eraldo Baldini e una xilo di Umberto Giovannini. Lo scorso anno invece abbiamo pubblicato la cartella Prima e dopo, con un racconto di Carlo Lucarelli e un'incisione di Alberto Mingotti".

Al termine della presentazione, piccolo brindisi con lo spumante, il panettone e il pandoro che si sono salvati dalle ultime feste.

Cristiano Cavina è nato a Casola Valsenio (o forse a Faenza...) nel 1974. E' uno dei più apprezzati e conosciuti scrittori italiani. Nel 2003 pubblica il primo romanzo, Alla grande (Premio Tondelli 2006), a cui seguiranno Nel paese di Tolintesàc (2005), Un’ultima stagione da esordienti (2006), I frutti dimenticati (2008), Scavare una buca (2010), Romagna mia! (2012), Inutile Tentare Imprigionare Sogni (2013), La pizza per autodidatti (2014), Pinna Morsicata (2016) e il recentissimo Bella Napoli.

Barbara Donati, dopo la laurea in Conservazione dei Beni Culturali a Ravenna, ha proseguito studiando incisione prima all’Accademia di Bologna poi alla Scuola di specializzazione Il Bisonte di Firenze, frequentando in seguito l’Accademia Drosselmeier, Scuola per librai e giocattolai e Centro studi di letteratura per ragazzi. A volte incide il legno, lo inchiostra e lo stampa su carta, con la tecnica della xilografia. Altre volte lavora direttamente su carta con inchiostri, acquerelli e matite. Ha pubblicato la storia illustrata La grotta di Re Tiberio (Cartabianca Editore).

0Commenti ...Commenta anche tu!



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it