Domenica 24 Settembre 2017

Le arti marziali protagoniste nel weekend al PalaCattani di Faenza

Venerdì 19 Maggio 2017 - Faenza

Sabato 20 e domenica 21 maggio il XVIII Torneo arti marziali storiche italiane sala d’arme Achille Marozzo, il più grande evento competitivo HEMA al mondo

Faenza ospiterà, per la seconda volta, il 20 e 21 maggio 2017 il più grande evento competitivo HEMA al mondo. L’acronimo HEMA (Historical European Martial Arts) viene usato per indicare lo studio e la pratica delle arti marziali - armate e non armate - di origine europea: la lotta corpo a corpo insegnata dal maestro friulano Fiore de Liberi, la scherma rinascimentale di Achille Marozzo e Antonio Manciolino, l’uso del bastone da passeggio come strumento di difesa nel XIX secolo, sostanzialmente tutto ciò che viene prima della “sportivizzazione” della moderna scherma olimpica. 

Negli ultimi dieci anni i praticanti di Arti Marziali Occidentali sono aumentati in maniera esponenziale, facendo uscire la disciplina dalla sua stagione sperimentale: il XVIII Torneo Nazionale Sala d’Arme Achille Marozzo ha davvero numeri fuori dall’ordinario. Nella due giorni che si terrà presso il PalaCattani, più di 300 schermidori provenienti da tutta Italia - e non solo - si confronteranno in oltre 1.500 incontri: in palio ci sono i titoli nazionali “Sala d’Arme Achille Marozzo” / Uisp per le discipline di Spada da lato (femminile/maschile), Spada e Pugnale (open), Spada e Brocchiero (open).

 

Pur trattandosi di “scherma storica”, in quanto le discipline fanno riferimento agli insegnamenti dei maestri rinascimentali italiani, così come ci sono stati tramandati dai trattati, non si tratta di una rievocazione: la pratica delle Arti Marziali Storiche viene fatta con protezioni “moderne”, simili a quella della scherma sportiva, e con armi studiate per gli scontri a contatto pieno. I contendenti si affrontano “realmente” in duello, cercando di praticare quello che i Maestri ci hanno tramandato, a partire dal concetto legato all’etimologia stessa della parola Scherma (difesa): non farsi colpire e solo in seguito preoccuparsi di colpire. Il regolamento stesso è pensato per preservare questo spirito marziale, ogni combattimento è una storia a sé, alcuni si risolvono in un attimo, altri sono lunghe danze, fatte di attese, studio dell’avversario e assalti.

 

 

 

La “Sala d’Arme Achille Marozzo”, con i suoi 20 anni di attività, raccoglie ben 15 Associazioni Sportive Dilettantistiche che contano oltre 40 sale in tutto il paese e oltre 700 tesserati, sicuramente la più grande realtà italiana in ambito HEMA: questo XVIII Torneo è il frutto dell’esperienza maturata nella riscoperta delle Arti Marziali Occidentali, un lavoro che unisce un lato squisitamente accademico (la scoperta di trattati e manoscritti dimenticati, lo studio, la comparazione) e un lato di verifica pratica delle nozioni acquisite. Fra le peculiarità di questa edizione del torneo è da segnalare la presenza di atleti da Inghilterra e Germania. Anche quest’anno, come omaggio alla città che ospita l’evento, le medaglie saranno in ceramica, creazione esclusiva per il torneo, ad opera della ceramista Faentina Ana Belén Cardero Alonso.

 

Il XVIII Torneo Sala d’Arme Achille Marozzo si aprirà domani sabato 20 al Palacattani alle ore 9 con il saluto delle autorità. Nella giornata di sabato avranno luogo il torneo femminile di spada sola e il torneo maschile di spada sola.

Domenica 21 maggio, sempre dalla mattina, si assegneranno i titoli per il torneo di spada e pugnale e quello di spada e brocchiero.

Per tutta la durata dell’evento sarà possibile accedere al PalaCattani gratuitamente.

0Commenti ...Commenta anche tu!



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it