Venerdì 15 Dicembre 2017

Svaligiò un'abitazione in Sicilia fingendosi agente: arrestato un rapinatore residente a Ravenna

Mercoledì 6 Dicembre 2017 - Faenza

L'uomo, un 48enne originario di Trapani, era finito in manette nel 2013 per una rapina a danno di una famiglia benestante della città sicula. Ora l'esecuzione definitiva del provvedimento

Un ordine di carcerazione è stato eseguito dalla Polizia di Stato nei confronti di L. M. F., un 48enne residente a Ravenna, ma originario di Trapani, per rapina aggravata e sequestro di persona, in concorso con altri. In seguito alle indagini era risultato, in concorso con altre persone, far parte di una banda dedita a consumare rapine in abitazione ai danni di famiglie benestanti del trapanese e per tali fatti arrestato dalla Squadra Mobile di Trapani e di Palermo, in flagranza di reato, il 15 marzo 2013 per una rapina ai danni di una famiglia benestante di Trapani.

Nella circostanza, i rapinatori, per accedere alla residenza di una coppia da rapinare, si fingevano appartenenti alla Guardia di Finanza, indossando false pettorine del tutto somiglianti a quelle in uso agli appartenenti alle Forze dell’Ordine, giustificando la loro presenza con la motivazione di dovere eseguire una perquisizione all’abitazione per ricercare armi, droga ed oro di provenienza illecita.

I rapinatori, per l’esecuzione dell’azione delittuosa, oltre ad utilizzare false tessere di identificazione e pistole giocattolo prive del tappo rosso, disponevano anche di auto rubate, sulle quali veniva applicata la luce di emergenza blu calamitata, del tipo impiegato sulle auto civetta della Polizia.

Il giorno dell’arresto L. M. F. e tre complici, erano entrati nell’abitazione armi in pugno e, mentre due rapinatori restavano all’interno dell’abitazione con la proprietaria, L.M.F. ed un sodale uscivano - insieme al marito - con l’intenzione di recarsi in un secondo appartamento di proprietà dei rapinati, dove era presente una cassaforte murata che i rapinatori volevano farsi aprire dalla vittima. Gli investigatori, appostati in strada, prima arrestavano L.M.F. ed il complice liberando così l’uomo poi, subito dopo, facevano irruzione nell’appartamento riusciendo a liverare la donna e ad arrestare gli altri due rapinatori.

L. M. F. ed i complici scontarono così un periodo di custodia cautelare per poi tornare in libertà. Al termine del processo di primo grado, nel corso del quale era emerso che L.M.F. si trasferiva da Ravenna a Trapani per effettuare le rapine per poi rientrare a Ravenna subito dopo i colpi, e del ricorso in Appello il trapanese è stato condannato definitivamente alla pena di 6 anni di reclusione ed alla multa di 1300 euro.

Nella giornata di ieri l’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica di Trapani ha emesso, all’esito della decisione della conferma della sentenza da parte della Suprema Corte di Cassazione, l’ordine di carcerazione che è stato trasmesso alla Squadra Mobile di Ravenna per l’esecuzione. Ieri mattina gli investigatori di viale Berlinguer hanno rintracciato L.M.F. e, dopo le formalità previste dalla legge, lo hanno condotto in stato d’arresto presso la Casa Circondariale di Ravenna dove sconterà il residuo di pena.

1Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Faenzanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@faenzanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Vivo a Ravenna , e' come Siciliano , mi distinuguo da questo L.M.F ... Ma chiedo a codesta testata Giornalistica, come mai non postate anche le foto di questi energumeni ? non sia un atto dovuto alla cittadinanza Ravennate ? visto che di questi frequentatori ne abbiamo a IOSA ? Un Palermitano che vive ha testa ALTA in Romagna, e' ne va fiero dei Romagnoli onesti, che lavorano e' si sbattono per la famiglia, intanto che leggiamo di questa feccia. Falko !

    08/12/2017 - Falko

...Commenta anche tu!




 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it