Domenica 18 Febbraio 2018

Liverani e Padovani (Ln): "Parcheggiatori abusivi assolti, così si alimenta il racket mafioso"

Martedì 13 Febbraio 2018 - Faenza
In foto il consigliere regionale Andrea Liverani e il caprogruppo Lega Nord in consiglio comunale Gabriele Padovani

I leghisti: "Si tratta di un problema molto sentito dai faentini, quotidianamente molestati e talvolta anche minacciati da queste persone"

Il consigliere regionale Andrea Liverani e il caprogruppo in consiglio comunale a Faenza della Lega Nord, Gabriele Padovani, comunicano oggi, martedì 13 febbraio, in una nota scritta il loro malcontento dopo aver appreso la notizia della sentenza di assoluzione - da parte del Tribunale di Ravenna - dei 4 nigeriani e del "socio in affari senegalese arrestati dopo un blitz dei Carabinieri del 2015, che aveva l'obiettivo di dare una stretta al fenomeno della questua molesta".


"Si tratta di un problema molto sentito dai faentini, quotidianamente molestati, e talvolta anche minacciati, da questi parcheggiatori ogni volta che provano a posteggiare l'auto. E, fatto ancor più grave, è la costante presenza degli abusivi nel parcheggio antistante l'ospedale cittadino. Una presenza, quella degli africani questuanti, che il blitz dei Carabinieri del 2015 aveva provato ad allontanare e che questa sentenza, invece, torna a mettere al loro posto. E la cosa è grave, perché tuti sappiamo che i parcheggiatori abusivi africani sono solo pedine comandate dal racket della potente e pericolosa mafia nigeriana" spiegano i consiglieri leghisti.

"È scandaloso che, nonostante l'operosità delle forze dell'Ordine, in questo caso l'Arma dei Carabinieri, la nostra legislazione penale, troppo blanda, sommata alla troppa discrezionalità interpretativa dei codici lasciata in mano ai giudici consenta sempre più spesso ai criminali (in questo caso il racket della mafia nigeriana) di farla franca” attaccano Liverani e Padovani.

Ma il disappunto dei due leghisti non si arresta solo a tale argomento, ma comprende anche, come emerge in un'altra nota scritta pervenuta sempre oggi, il fatto della prossima apertura del nuovo discount tedesco Aldi Sud nell'area all'angolo tra la via Emilia Ponente e il tratto di via Volta verso la circonvallazione.

"A parte il fatto che si tratta dell'ennesimo colosso della distribuzione low cost straniero - dichiarano -, è evidente che non si capisce quale sia la volontà dell'amministrazione comunale quando autorizza l'apertura di tanti supermercati in una zona ormai satura di brand della Gdo. Se l'intento dichiarato è quello di mettere definitivamente in ginocchio i piccoli esercenti del centro storico, allora possiamo dire che l'obiettivo dell'amministrazione è più che centrato. Perché alternative a questa volontà di smantellamento e di abbandono del centro storico di Faenza non se ne vedono” attaccano i consiglieri leghisti."

“Tanto più che la nuova apertura del centro commerciale - continuano Liverani e Padovani - a marchio Aldi produrrà un altre effetto negativo per i cittadini: la saturazione della circolazione stradale, già oggi in tilt nelle ore di punta della città."

"Quel che vien da chiedersi, anche alla luce delle dichiarazioni del sindaco Malpezzi “C'è da dire che quell'area sta diventano parecchio affollata di supermercati”, è se le politiche dell'amministrazione comunale di Faenza abbiano davvero a cuore le priorià della cittadinanza oppure siano declinate secondo logiche di interessi economici particolari?" concludono polemicamente i consiglieri del Carroccio

 

1Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Faenzanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@faenzanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • la concorrenza , in turri i sensi , e' fastidiosa .

    13/02/2018 - perplesso

...Commenta anche tu!




 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it