Martedì 19 Marzo 2019

Abolizione superticket. L’Altra Emilia-Romagna: Pura demagogia elettoralistica, inutile per tutti

Venerdì 6 Luglio 2018

Siamo ormai abituati ai roboanti annunci del Presidente Bonaccini, in sanità in particolare (esempio, tempi di attesa ed incrementi di personale) con il silente sostegno del suo assessore Venturi e l’agnostico plauso dei consiglieri regionali di maggioranza e dei segretari regionali dei sindacati confederali. Anche in questa occasione non si è smentito: ha annunciato l’abolizione del super ticket per le fasce di reddito tra i 36.000 ed i 100.000 euro anno. E’ solo demagogia sparsa a piene mani, inutile per i poveri ed i malati cronici. Ed anche per i ceti medi ed alti.


Innanzitutto i “bassi redditi” ed i malati cronici gravi, già esenti dal super ticket, così come gli ammalati acuti gravi, compresi quelli ascrivibili agli stessi ceti medi ed alti, soffrono non certo per i super ticket ma per i tagli agli organici degli ospedali e dei servizi territoriali e per le sempre più lunghe liste di attesa, provocati da anni di de-finanziamento del servizio sanitario pubblico in E.R e di pervicace privatizzazione, Il peggioramento progressivo e sempre più grave delle condizioni di lavoro nella sanità dovrebbero al contrario determinare una ferma opposizione delle OOSS che invece appaiono accondiscendenti nei confronti delle politiche regionali.

In secondo luogo è fuorviante e demagogico presentare come eclatanti manovre di bilancio e di riequilibrio sociale in sanità, peraltro solo tra ceti medi e ceti benestanti, di poco più di due/tre decine di milioni di euro (circa 33 il costo della eliminazione del super ticket controbilanciati da supposti 8 provenienti dai super ticket dei redditi superiori ai 100.000 euro l’anno), a fronte di bilanci della sanità pubblica regionale di oltre 9,5 miliardi di euro e delle centinaia di milioni di euro annui di investimento necessari per:
a. completare il modello delle case della salute,
b. riorganizzare/ammodernare la rete ospedaliera e realizzare la continuità assistenziale ospedale territorio,
c. adeguare gli organici per eliminare le liste di attesa e rispettare ed attuare i diritti dei professionisti dipendenti,
d. de-privatizzare e re-internalizzare, per spendere meno e meglio, i servizi, sanitari e non, già privatizzati (cfr. le urgenze traumatologiche a Bologna, i global service a Modena, le prestazioni specialistiche ambulatoriali per ridurre - inadeguatamente - le liste di attesa, gli accordi con Unipol SAI per prestazioni calmierate in libera professione e via dicendo!)
e. sostenere la ricerca e le terapie farmacologiche avanzate e la sanità digitale, e via dicendo.

I ticket, tutti non solo i super, sono stati e sono il frutto di un’epoca di pensiero ed azione sociale ed economica neoliberista in sanità, basata sul concetto antisolidaristico che “chi più consuma, più paga”, come se la condizione di malato fosse una condizione di tipo voluttuario, come se esser malati fosse piacevole e curarsi uno sfizio, non un diritto.

È una filosofia obbrobriosa che ha portato ad istituire una vera e propria tassa sulla malattia per ottenere prestazioni cui si avrebbe diritto ad una erogazione senza contropartite in denaro in quanto la loro erogazione/produzione è già finanziata con il prelievo fiscale ordinario corrente (da quanti non evadono i loro doveri fiscali).

I ticket vanno aboliti tutti, non solo i super poiché tassa sulla malattia non sulla ricchezza. La soluzione, infatti, non è far pagare il ticket super ai “ricchi”, proprio quando stanno male e sempre che si rivolgono al pubblico. La soluzione seria è far pagare ai ricchi, individui e aziende, le tasse che evadono sottraendosi al finanziamento della spesa pubblica in generale, ed anche e in particolare, al welfare pubblico ed alla sanità pubblica.

Se Bonaccini vuol fare qualche cosa di sinistra, per la prima volta nel suo mandato:
¬ elimini i ticket;
¬ collabori quanto può per accertare le evasioni fiscali in Emilia-Romagna e rimoduli le imposizioni patrimoniali soggette alla fiscalità regionale propri;
¬ faccia politiche di investimento non risibili sul servizio sanitario regionale pubblico e cominci a “de-privatizzarlo”;
¬ lasci perdere il collateralismo con i presidenti leghisti di Lombardia e Veneto dell’accordo con Gentiloni in tema di maggiore autonomia regionale ex art. 116 per più privatizzazioni nella sanità ed anche nella scuola, università, mercato del lavoro ed ambiente.

Siamo ansiosi di avere notizie, non fake-news su tutti questi temi. Riteniamo che su queste scelte dirimenti di politica regionale, le forze di sinistra politiche e sindacali, dovrebbero esprimere una critica più adeguata alla gravità della situazione e non soggiacere alle scelte elettoralistiche della giunta Bonaccini


L’Altra Emilia Romagna, Forum Diritto alla Salute E-R, Forum Sanità Val Samoggia e Val Panaro

 

1Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Faenzanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@faenzanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Bonaccini si prepara alle elezioni del 2019....

    06/07/2018 - Marco



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it