Martedì 18 Dicembre 2018

Incendio alla cava Zannona nel faentino: primi risultati delle analisi condotte da Arpae

Martedì 7 Agosto 2018 - Faenza
Foto di repertorio

Non rilevata la presenza di Diossine. Il monitoraggio della situazione sta proseguendo per la verifica della qualità dell’aria

Sono disponibili i primi risultati del monitoraggio effettuato da Arpae nelle prime ventiquattro ore con il campionatore ad alto volume di aria nelle zone interessate dall’incendio alla cava Zannona a Faenza, in località Rivalta di Marzeno. Sono stati riscontrati livelli leggermente anomali per gli IPA (Idrocarburi Policiclici Aromatici) pari a 67,626 ng/Nm3: i valori di IPA rilevati sono infatti equiparabili, o di poco superiori, a quelli presenti di norma nel parco Bertozzi di Faenza nei mesi di dicembre-gennaio-febbraio, quando la presenza di riscaldamento e traffico si sente di più.


Il benzo a pirene, che è il principale IPA, è risultato presente in valori anomali in questo periodo dell’anno (di 0,586 ng/Nm3), ma non superiori a quelli che si misurano nei mesi freddi. Non è stata rilevata la presenza di Diossine. Questi risultati sono compatibili con la combustione di biomassa prevalentemente vergine.

Il monitoraggio della situazione sta proseguendo per la verifica della qualità dell’aria.


0Commenti ...Commenta anche tu!



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it