Martedì 21 Agosto 2018

Mobilità. Le associazioni faentine: "Ripristinare la ciclabilità interna ai Parchi Tondo e Ferucci"

Mercoledì 8 Agosto 2018 - Faenza

"Come Associazioni impegnate per la mobilità sostenibile - scrivono il Circolo Legambiente Lamone, ass. Fiab Faenza e Salvaiciclisti Faenza - appoggiamo pienamente la richiesta fatta dal Consiglio del Quartiere Centro Sud al Comune di ripristinare la ciclabilità interna al "Tondo" (Parco della Rocca)."


"Questo divieto - spiegano - che da maggio viene fatto rispettare in modo (fin troppo) scrupoloso dai volontari che gestiscono il Tondo, penalizza la mobilità ciclabile e risulta contraddittorio con gli obiettivi PUMS, perché il Parco è situato in una zona di collegamento tra il quartiere Centro Sud, la scuola Tolosano e la stazione, e non ci sono vie alternative e sicure da percorrere in bici: Via Da Oriolo è trafficata e pericolosa: dietro l'abside di San Savino (Chiosco Il Gallo) finisce la ciclopedonale e non si può raggiungere Via Mazzini in bici, a meno che non si passi sopra al marciapiede che fiancheggia la Chiesa di San Savino (strettissimo) oppure imboccando contromano il senso unico fino al parcheggio, che costeggia il Tondo. Un senso unico stretto e pericoloso, con auto parcheggiate da un lato."

"La chiusura di ogni passaggio “ciclabile”, è la spia di un pregiudizio: la bici è considerata solo come mezzo di svago, usato da chi ha “tempo da perdere” e non come mezzo di trasporto, usato da chi deve andare a scuola, in stazione, al lavoro e non può permettersi di scendere e risalire ogni volta, in un percorso ad ostacoli. Sottolineiamo infine che attraversare il parco in sella alla bici, passando sul vicolo laterale lato sud est (verso ospedale) non rappresenta un pericolo per i bambini che giocano nell’altro lato e nella zona centrale del parco. Alcuni paventano pericoli per il passaggio promiscuo di pedoni e ciclisti, ma allora dovremmo chiudere tutte le ciclopedonali di Faenza" affermano le associazioni.

"Ci uniamo quindi al Quartiere Centro Sud, per chiedere all’Amministrazione comunale, ai Vigili Urbani di Faenza, e all’Unione dei Comuni della Romagna Faentina, di consentire il transito delle bici all’interno del Tondo, creando una corsia ciclopedonale nel vicolo laterale (lato sud-est) che collega i due ingressi (di viale Stradone e viale Mazzini.) Sarebbe opportuno prevedere anche una corsia ciclabile protetta dal cancello di via Da Oriolo fino al cancello che dà sul parcheggio, in quanto chi abita in Via Da Oriolo e deve andare nella scuola di stradario Tolosano o raggiungere la piazza, non ha vie sicure in bici. Crediamo - aggiungono - che il ripristino della ciclabilità interna al Tondo sia urgente, soprattutto in vista della riapertura delle scuole: i percorsi casa-scuola in bici fanno parte del PUMS e non possono essere bloccati/ostacolati."

"Chiediamo anche il ripristino della ciclabilità nel vicolo che attraversa il Parco Ferucci, (zona Via Corbari) anche questo è parte integrante di un percorso casa-scuola (Panda e Don Milani). L’ipocrisia di questi divieti è ancora più stridente se si mette a confronto con la grande tolleranza concessa alle auto, che spadroneggiano impunite, parcheggiando sui marciapiedi, col motore acceso, in divieto di sosta, e altre "amenità". Chiediamo fin da subito un incontro con l’amministrazione, in modo da risolvere la questione prima della riapertura delle scuole. Se non seguiranno risposte, né soluzioni adeguate, procederemo ad una petizione con raccolta firme" concludono le associazioni.

 

1Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Faenzanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@faenzanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Vi fate scrupolo di passare su 1 marciapiede? Ma se ci sono bici su tutti i marciapiedi dove circolano a forte velocita' investono i pedoni e si dileguano rapidamente, servirebbe la targa.

    09/08/2018 - roberto



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it