Giovedì 18 Ottobre 2018

Incendio Cava Zannona. Annunciato per oggi, venerdì 10 agosto, il definitivo spegnimento

Venerdì 10 Agosto 2018 - Faenza
Foto della copertura con terra e sabbia dei focolai di incendio

Ad una settimana di distanza dallo scoppio dell'incendio che ha coinvolto il materiale legnoso di Recywood, stoccato presso la cava Zannona di Marzeno, nel faentino, nella giornata di oggi, venerdì 10 agosto, le aziende proprietarie del prodotto andato in fumo annunciano la conclusione delle operazioni di spegnimento "in tempi sensibilmente più rapidi rispetto alle previsioni. Tali operazioni si sono svolte utilizzando il protocollo d’intervento messo a punto dai Vigili del fuoco", precisano Recter e Recywood.

 

Il merito di questo anticipo nella conclusione delle operazioni di soffocamento dei focolai, secondo quanto riporta una nota congiunta diramata dalle due aziende è da attribuirsi "all'incessante lavoro svolto dai Tecnici ambientali di Recter, Recywood, Astra servizi ambientali e ai numerosi mezzi meccanici - camion da questi ultimi impegnati, con la supervisione dei Vigili del Fuoco che hanno garantito di operare in condizioni di sicurezza".

 

Ad andare a fuoco - continuano a precisare le due aziende da diversi giorni - solo legno vergine secco, stoccato all’aperto in più accumuli e destinato ad impiego energetico: alimentazione impianti a biomasse, produzione di cippati e pellet da riscaldamento, non riconducibile alla categoria rifiuti. Legno proveniente da pulizia fiumi, taglio boschi e agricoltura.

 

«L’attività – sottolinea Peroni, Vice Presidente Recywood – non è soggetta ad autorizzazioni trattandosi di un deposito all’aperto ad una distanza superiore a cento metri dalle abitazioni, così come previsto dalle norme vigenti. «L’incendio – fa sapere la proprietà - è stato immediatamente segnalato e ci siamo subito attivati per lo spegnimento con mezzi e personale nostro, collaborando con i vigili del fuoco, le autorità e le istituzioni. Gli accertamenti hanno escluso condizioni di pericolosità per la salute».

 

Ad andare distrutte circa 12mila tonnellate di legna. Uno solo dei cumuli presenti si è salvato, in quanto costantemente bagnato dalle autobotti.  «Improbabile l’autocombustione o l’impropria gestione perché il fuoco si è innescato di notte, nelle ore più fresche, ma esternamente ad un’unica catasta, da cui sono partiti dardi infuocati in direzione delle altre - aggiunge la nota -. Restano aperte tutte le piste: dolosa, incidentale, fortuita. Ci stiamo confrontando con carabinieri e vigili del fuoco per una denuncia contro ignoti e restiamo a disposizione dell’autorità giudiziaria per collaborare alla ricostruzione delle cause».

 

Il protocollo di intervento concordato nel corso della riunione del Comitato Operativo di Coordinamento in comune a Faenza lo scorso lunedì 6 agosto, consistente nell'utilizzo di terra e sabbia proveniente dalla vicina cava, per coprire e soffocare gli ammassi di legna ancora fumanti, ha dato i risultati sperati. Sul posto per motivi precauzionali resterà ancora per 48 ore un presidio minimo dei Vigili del Fuoco, ma il metro e oltre di terreno con cui sono stati ricoperti i cumuli di legna andati in fiamme, mette definitivamente fine a quanto accaduto.

 

Le analisi di Arpae non evidenziano rischi particolari per la salute, i valori contenuti di diossine risultano sensibilmente in calo, comunque sempre inferiori al valore indicato dalla Organizzazione Mondiale della Sanità, (per esaustività d’informazione i risultati sono visibili al link https://www.arpae.it/dettaglio_notizia.asp?id=9825&idlivello=89).   

 

Il Presidente di Recywood, Pesci e il Vice Presidente, Peroni in costante contatto con l’amministrazione comunale (Il Sindaco giovedì ha visitato l’impianto), aprendo un confronto diretto con le Istituzioni Arpae, Ausl e i Vigili del Fuoco ringraziano particolarmente le Autorità tutte per la collaborazione unitamente ai dipendenti delle società Recter Recywood e del Consorzio Astra a cui le due Società aderiscono.

2Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Faenzanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@faenzanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Non è vero che lo hanno spento definitivamente,siamo ancora barricati in casa per la puzza asfissiante. È una vergogna!

    13/08/2018 - L

  • In qualità di residente di Faenza - Via Modigliana, confermo quanto scritto da "L" e cioè che, nella tarda serata di domenica, in alcune zone di Via Modigliana e di Via Cornacchia (Borgo Tuliero) aleggiavano ancora dei miasmi di fumo, esattamente quelli già ampiamente percepiti per quasi tutta la precedente settimana e che hanno obbligato i cittadini a sigillarsi, per quanto possibile, all'interno delle rispettive abitazioni...

    13/08/2018 - C



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it