Sabato 15 Dicembre 2018

Cultura. “L’uomo di Mosca” di Alberto Cassani, un romanzo di sentimenti in una spy story

Giovedì 11 Ottobre 2018 - Romagna Faentina
Alberto Cassani

Il titolo, “L’uomo di Mosca”, evoca le atmosfere di una spy story. L’opera prima di Alberto Cassani per lungo tempo assessore alla Cultura del Comune di Ravenna in realtà è molto di più. “L’uomo di Mosca”, parafrasando l’incipit del prologo, racconta di un passato che non torna e che non passa. Un romanzo che partendo dal passato, appunto, intende fare i conti con il presente. Il risultato è un libro denso, sincero e complesso. Un libro che mescola l’amore del protagonista per la propria famiglia, il suo attaccamento ai valori della politica, intesa nel senso vero del termine, al disagio profondo di vivere un presente lontano anni luce da questi valori. 

 

Uscito qualche mese fa nella collana Romanzi e Racconti della Baldini + Castoldi, “L’uomo di Mosca” è stato presentato ieri pomeriggio nella sala Muratori della Classense di Ravenna da Sandra Dirani nell’ambito della rassegna letteraria “Il tempo ritrovato” curata da Matteo Cavezzali.

Il romanzo, in particolare, ruota attorno ad un tema particolarmente dibattuto un po’ di anni fa: quello dei rapporti economici fra il Partito comunista italiano e quello sovietico. Come ogni domenica mattina il protagonista del romanzo, alter ego dell’autore, Andrea Cecconi, si reca a trovare il nonno paterno, Mario, stimato ex dirigente del Pci che, spinto “da un’insolita urgenza” decide di raccontare al nipote una storia di molti anni fa. Una storia che parla di finanziamenti dall’Urss attraverso una società del porto di Ravenna e di un misterioso uomo di Mosca.

 

La morte del nonno amatissimo, il ritrovamento di una lettera e di alcuni documenti, spingono il protagonista a cercare di saperne di più. Seguendo la traccia dei soldi, il protagonista comincia una ricerca che incrocia diversi piani temporali dagli anni Settanta ai giorni nostri, “anni – sottolinea Sandra Dirani – ricchi di avvenimenti, a tratti dolorosi”. Il libro, ammette Cassani, non ha avuto una gestazione semplicissima: almeno quattro le stesure, prima di darlo definitivamente alle stampe.

“Ho iniziato a scriverlo circa tre anni e mezzo fa – racconta – E il mio intento è stato fin da subito quello di provare di comporre un romanzo”. “La storia – dice - ha una base reale. Ho trovato dei documenti e attorno a questi ho imbastito tutto il resto”. Una storia senza dubbio scomoda e non semplice da affrontare, ma, afferma l’autore, “fra l’oblio e l’accettare di raccontarla pur con tutte le sue contraddizioni, ho preferito la seconda”. Se il protagonista si mostra molto indulgente con il passato, vive il presente con disincanto, sia pure in modo non rassegnato.

 

Giocando fra realtà e finzione, muovendosi fra diversi registri narrativi, il romanzo si dipana per oltre trecento pagine suddivise in 45 capitoli che integrano il racconto con stralci di documenti, brani di diario, descrizioni minuziose di luoghi e riferimenti letterari (da Tolstoj a Kakfa, da Houellebecq a Shakespeare, da Maupassant a Pratolini) avviandosi verso un finale non precostituito, ma come dice l’autore, “costruito strada facendo, man mano che si procedeva nel racconto”.

La serata volge al termine. C’è tempo per qualche domanda del pubblico. Chi vuole avere qualche informazione in più sui documenti che hanno dato il via al racconto, chi invece vuole sapere se nello scrivere il libro ha prevalso più l’amore o il disincanto. “Sono due sentimenti molto forti entrambi – sottolinea l’autore – . Vivere il presente provoca un disagio profondo, ma è chiaro che questo libro ha anche molto a che fare con l’amore: con il disincanto non si scrive un romanzo”.

 

A cura di Ro. Em.

1Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Faenzanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@faenzanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Dopo il flop di Ravenna 2019 darsi ai libri è il minimo!

    11/10/2018 - Gianni



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it