Mercoledì 26 Giugno 2019

Politica. Parla Paglia (Sinistra Italiana): noi non saremo i satelliti del Pd

Mercoledì 21 Novembre 2018 - Romagna Faentina
Giovanni Paglia

Se Articolo 1 MDP è pronta a confrontarsi e a collaborare con il Pd nei vari comuni - a certe condizioni - per garantire che le amministrazioni rosse restino tali, pur rinnovandosi, anche dopo il voto di maggio 2019, Sinistra Italiana è orientata ad andare per conto proprio e a non fare accordi con i piddini. D'altra parte SEL poi Sinistra Italiana cinque anni fa aveva fatto accordi nei comuni più importanti in cui si vota a maggio - Lugo, Cervia e Bagnacavallo - col Pd, ma poi via via per ragioni diverse è uscita dalle maggioranze e ha abbandonato il Pd al suo destino. Difficile pensare che oggi Sinistra Italiana torni sui suoi passi. Come conferma Giovanni Paglia.

 

L'INTERVISTA

Giovanni Paglia, che cosa farà Sinistra Italiana nelle prossime elezioni amministrative? C'è qualche possibilità di accordo col Pd? 

"Ad oggi non vediamo alcun cambiamento né alcuna condizione tale da farci recuperare un rapporto di collaborazione con il Partito Democratico in sede locale. Il Pd non ha fatto nulla per venire incontro alle nostre critiche e alle nostre istanze. Quindi non riesco a vedere spiragli per poter fare accordi."

Le ragioni dello strappo di alcuni anni fa quando usciste dalle maggioranze di governo con il Pd a Lugo, Bagnacavallo e Cervia ci sono ancora tutte e lei non vede segnali di ravvedimento da parte del Pd. È così?

"Esatto. Non c'è stato nessun tentativo serio di recuperare un rapporto con noi."

Ma voi che farete?

"C'è tempo. Al momento siamo nella fase degli incontri esplorativi."

Puntate ad esserci alle prossime amministrative o potreste stare fermi un giro?

"Come abbiamo fatto a Ravenna, con Ravenna in Comune, puntiamo a dare vita territorio per territorio ad esperienze e liste civiche di sinistra. Dove ci sono le condizioni per farlo, cioè nei comuni maggiori, credo lo faremo. Altrimenti vedremo, ma non è che dobbiamo per forza essere presenti in tutte elezioni comunali o di dare vita a liste purchessia in assenza di una reale esperienza di sinistra sul territorio. E poi nei comuni più piccoli va da sè che si ragiona molto in base alle realtà locali, volta per volta."

In alcuni sarete anche voi nelle liste civiche di centro sinistra e in altri casi no.

"Sì. Ci sono comuni come Russi o Alfonsine dove ci sono esperienze civiche squisitamente di sinistra, di sinistra altra rispetto alle liste civiche nate attorno al Pd, dove penso che queste esperienze continueranno ad esistere. E poi ci sono realtà dove le liste civiche progressiste riescono a raccogliere tutto il campo che va dal centro alla sinistra e qui non ci presenteremo noi da soli, al solo scopo di rompere un quadro unitario, pur di avere il simbolo sulla scheda. È una pratica che non ci appartiene."

Dopo la fine di Liberi e Uguali voi che fate e a chi guardate?

"Noi pensavamo che dopo il voto di marzo il processo di riaggregazione a sinistra dovesse continuare e dovesse rafforzarsi anche in vista delle elezioni europee, per presentare una lista di sinistra alternativa al PSE. Ma Articolo 1 MDP ha altre idee, ha l'idea che ci sia un sole, un pianeta attorno a cui girare come fa un satellite. Loro vogliono giocare a fare i satelliti, ma a noi non interessa, non ci è mai interessato. Tanto più che il pianeta Pd non è destinato ad avere un radioso futuro. Restiamo dell'idea che il destino della sinistra italiana passi per altre strade."

Quindi ora guardate a Potere al Popolo e Rifondazione Comunista?

"Noi parteciperemo il 1° dicembre alla convention che ha lanciato il Sindaco di Napoli De Magistris. La stessa cosa faranno credo Potere al Popolo e Rifondazione Comunista, oltre a tante liste civiche ed esperienze di sinistra che esistono in Italia. Avremmo voluto che questa strada fosse percorsa da tutta LeU ma non è stato possibile. Dunque noi andiamo e vediamo lungo il percorso con chi ci incontreremo e costruiremo qualcosa di nuovo a sinistra e per la sinistra."

 

A cura di P. G. C. 

 

 

 

 

1Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Faenzanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@faenzanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Quelli come paglia che ragionano in termini di "soli" e "satelliti" e pontificano dal loro piedistallo (loro si che sono infallibili e non sbagliano mai) è meglio perderli che trovarli, anche perché alla prima occasione ti pugnalano alle spalle. Dal punto di vista politico sono la più grande iattura per il paese dopo il defunto partito fascista, peggio di Berlusconi e della lega.

    22/11/2018 - Francesco



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it