Mercoledì 26 Giugno 2019

Stallo per reperimento sedi Vigili del Fuoco di Lugo e Faenza. Cgil: "Autorità poco disponibili"

Lunedì 17 Dicembre 2018 - Faenza
Foto d'archivio

Il funzionario territoriale FP Cgil Ravenna, Maria Antonietta Cirillo e i coordinatori provinciali FP Cgil VVFF,  Paolo Visconti e Marco Pedulli comunicano di aver preso notizia - durante la riunione periodica per la sicurezza sul lavoro che ha avuto luogo nel Comando provinciale dei Vigili del Fuoco di Ravenna - che i lavori di reperimento delle sedi da destinare ai distaccamenti di Lugo e Faenza sono in fase di stallo. "All'incontro, svolto ai sensi del dlgs. 81/08, il comandante del Corpo, Giuseppe Lomoro, ha confermato - dichiarano da Cgil Ravenna e Cgil VVFF - di non aver ricevuto alcun riscontro sulla questione, nonostante le sollecitazioni avanzate agli organi competenti e alle amministrazioni degli enti locali e territoriali interessati."

 


"L'unica soluzione al momento percorribile - aggiungono - sarebbe quella di abbandonare le sedi attualmente occupate, con conseguente stazionamento in un campo base. Di tutt'altro segno è la discussione sul capoluogo di provincia, dove le procedure relative alle sedi di Ravenna centrale e distaccamento porto procedono regolarmente, grazie anche all’impegno degli enti coinvolti. Ci spiace constatare che la burocrazia e la poca disponibilità delle autorità territoriali mettano a rischio il regolare funzionamento del Corpo nei territori faentino e lughese. Sollecitiamo quindi la ripresa delle procedure necessarie alla risoluzione del caso."

"Ricordiamo che la nostra attività risulta efficace e tempestiva solo avendo a disposizione strutture idonee. Sarebbe a dir poco disdicevole se il regolare funzionamento di un intervento da operare con tempestività e urgenza dovesse risultare inefficace – mettendo quindi a rischio la sicurezza dei cittadini – per l’inadeguatezza delle strutture a nostra disposizione" concludono.

 

0Commenti ...Commenta anche tu!



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it