Lunedì 25 Marzo 2019

Enpa Faenza: "Senza botti per un Capodanno sereno: i consigli pratici per chi ha animali in casa"

Venerdì 28 Dicembre 2018 - Faenza

Con l’arrivo di San Silvestro, anche quest’anno la sezione faentina di Enpa si unisce all’appello dei tanti che chiedono un Capodanno senza “botti”. “C’è chi si ostina a definirla una tradizione, ma è in realtà una pratica violenta, pericolosa e spesso collegata all’illegalità - sottolinea Maria Teresa Ravaioli, presidente di Enpa Faenza -. Tra le persone genera incidenti a un livello preoccupante, mentre per gli animali lo scoppio dei fuochi artificiali, specie in piena notte, causa danni enormi." 


"Negli uccelli un botto causa uno spavento tale che li induce a fuggire dai dormitori, volando al buio anche per chilometri, andando a morire sfracellati addosso al primo ostacolo; nei gatti e nei cani - continua Enpa - un botto crea forte stress e spavento tali da indurli a fuggire dai propri giardini e recinti, per scappare da un rumore per loro insopportabile, finendo spesso vittime del traffico, con il risultato di gravi danni per loro e pericolo per la circolazione; negli animali degli allevamenti come mucche, cavalli e conigli, le conseguenze delle esplosioni possono provocare nelle femmine gravide addirittura l’aborto da spavento”.

Nei giorni cruciali delle feste, Enpa suggerisce ai proprietari di animali di tenere temporaneamente chiusi in un luogo comodo e rassicurante gli animali. "In casa, il volume dello stereo o della tv un po’ alto è più familiare agli animali e soffoca altri rumori esterni. È necessario uscire - aggiunge Enpa - con il proprio cane sempre al guinzaglio (botti improvvisi potrebbero causare una fuga), mantenendo per primi un atteggiamento sereno, ignorando le manifestazioni di paura dell’animale per non rafforzarne il comportamento. Infine - consiglio sempre valido - meglio mettere al proprio cane o gatto una medaglietta (che non sostituisce il microchip obbligatorio per legge) con i recapiti per essere contattati nel caso di smarrimento".

“Ci appelliamo soprattutto agli adulti - conclude Maria Teresa Ravaioli -, che hanno il dovere di controllare i minori, impedendo loro l’acquisto e l’utilizzo di botti e petardi, ma anche dando l’esempio, scegliendo modi più sereni e sensati per salutare il nuovo anno”.

0Commenti ...Commenta anche tu!



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it