Giovedì 25 Aprile 2019

Legambiente ai Comuni dell'Unione: "A che punto stanno i piani d'azione sull'energia sostenibile?"

Sabato 9 Febbraio 2019 - Romagna Faentina

Legambiente ha inviato un lettera al Presidente dell'Unione della Romagna Faentina e a tutti i Sindaci dei Comuni, firmatari del Patto dei Sindaci, per conoscere lo Stato di avanzamento del Piano di Azione sull'Energia Sostenibile (PAES). Una lettera nella quale sottolineano "l'impegno, contenuto nel Patto, 'a mobilitare la società civile al fine di sviluppare insieme a loro, il Piano di Azione', mobilitazione che noi riteniamo essenziale per raggiungere effettivi risultati", ma che gli ambientalisti non ritengano sia avvenuta.

 

Di seguito, il contenuto integrale della missiva.

 

Gentili signori,

come forse ricorderete, Legambiente, insieme a un gruppo di associazioni e comitati, da tempo si è occupata della questione, apartire dalla consultazione sulla bozza di PAES, tra la fine del 2014 e l'inizio del 2015. Da allora, dopo le nostre obiezioni e proposte al Piano (in parte anche apprezzate), ci siamo successivamente fatti sentire per chiedere di essere coinvolti nei percorsi partecipativi e nei tavoli operativi, sulla base di quanto previsto dalla delibera di approvazione del PAES del 30/3/2015.

 

Successivamente si è sentito parlare del PAES nella preparazione del “Patto per lo sviluppo”, dell'insediamento della “struttura tecnica”, con una specifica figura di Energy Manager. Contemporaneamente abbiamo continuato ad avanzare qualche osservazione e proposta, come quella di poter installare molti più impianti solari sui tetti dei nostri comuni (di cui si è parlato recentemente anche in Consiglio Comunale); della possibilità di sperimentare una riqualificazione energetica in interi condomini (campagna di Legambiente CIVICO 5.0), ma per quanto riguarda la nostra, e altre associazioni, non siamo mai stati coinvolti.

 

Naturalmente immaginiamo che molte delle azioni previste dal PAES siano state avviate o completamente realizzate, anche perché siamo ormai a 4 anni dall'avvio. Infatti diversi Comuni stanno passando alla fase successiva con il “Nuovo patto dei Sindaci per il Clima e l'Energia” (che prevede di aderire ai nuovi obiettivi europei al 2030, con la riduzione di almeno il 40% delle emissioni diCo2).

 

A questo proposito la Regione ha aperto una Manifestazione di interesse RER per bando ‘nuovo Patto dei Sindaci e PAESC’, che immaginiamo possa essere una occasione importante per i Comuni dell'Unione della Romagna Faentina. Chiediamo quindi al Presidente dell'Unione e a tutti i Sindaci dei Comuni della Romagna Faentina - che sono firmatari del Patto dei Sindaci – di conoscere lo stato di avanzamento di tutte queste iniziative, sottolineando l'impegno, contenuto nel Patto, “a mobilitare la società civile al fine di sviluppare insieme a loro, il Piano di Azione”, che noi riteniamo essenziale per raggiungere effettivi risultati.

 

Come è avvenuto anche negli scorsi anni, in occasione dell'iniziativa nazionale sul risparmio energetico “M'illumino di meno”, che quest'anno si svolgerà il 1 marzo, vorremmo poter annunciare quali sono stati gli avanzamenti nella concreta applicazione delleazioni del PAES.

0Commenti ...Commenta anche tu!



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it