Giovedì 21 Marzo 2019

Brisighella: serata dedicata al metodo analogico di Camillo Bortolato per studiare la matematica

Mercoledì 6 Marzo 2019 - Brisighella
Una bambina apprende la matematica con lo strumento studiato da Bortolato, la Linea del 20

L’Amministrazione Comunale di Brisighella invita tutta la cittadinanza, giovedì 7 marzo al Complesso Cicognani di Brisighella alle 20.30 per una serata con in compagnia dell maestro Camillo Bortolato dal titolo “L’entusiasmo della scoperta”.

Camillo Bortolato è laureato in pedagogia, insegnante in pensione, è autore di numerosi testi per l'insegnamento della matematica nella scuola primaria. Alla didattica affianca un'intensa attività di ricerca sulle metodologie di insegnamento che porti ad apprendere con meno fatica e più soddisfazione.

Ha costruito degli strumenti che sono stati poi sperimentati all’università di Padova e in altri atenei ed attualmente le sue ricerche sono rivolte allo sviluppo di tecniche di apprendimento analogico mediante l'utilizzo di nuovi strumenti didattici (video, strumenti brevettati di sua invenzione, ecc.).

La serata vuole essere un momento di confronto per continuare a stimolare tutti (genitori, nonni ed educatori) verso una società che sappia partire dalle esigenze dei bambini perché i bambini, mossi dall’entusiasmo, pensano che nulla sia impossibile. Questa strana forza, infatti, permette loro di concentrare la propria attenzione sugli obiettivi e non sugli ostacoli, tanto che perfino le difficoltà gli appaiono come opportunità.


Il maestro Camillo Bortolato è l’ideatore del metodo analogico, un metodo dove i bambini non sono solo guidati da regole verbali, ma dalla sperimentazione. Le spiegazioni iniziali sono quelle del bambino, che offre le sue competenze e la sua capacità di comprensione. Spiegazioni che l’educatore raccoglie, guida, rielabora e ripropone, ma non impone.
Le radici di questo metodo sono profonde e si avvicinano ad altri importanti metodi di innovazione didattica come il metodo Montessori e il socio-costruttivismo. È un approccio che ha dentro di sé dei “principi attivi”, prima di tutto la globalità e la fiducia nelle capacità intuitive del bambino/a, che sono stati finora declinati con successo in varie attività di apprendimento e di cui si sta studiando l’applicazione anche in altre discipline ed altre fasce d’età.

Allo stesso tempo, partendo proprio dalla prassi didattica, il metodo analogico porta all’attenzione degli studiosi l’opportunità di valutare nuove prospettive, sempre nell’ottica di integrare la teoria con la didattica sul campo. Per esempio, per la didattica dell’italiano, il metodo analogico presenta fin dal primo giorno di scuola tutte le lettere dell’alfabeto sollecitando i bambini, ciascuno col proprio ritmo, a scoprirle ed usarle.


Per maggiori info: Comune di Brisighella 0546 994415

1Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Faenzanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@faenzanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Salve. Ho cercato informazioni sul signor Bortolayo. Ero incuriosita dal vostro articolo. E ho trovato un bel sito, www.camillobortolato.it. Solo che sono rimasta molto molto perplessa alla visione di un video in cui l'autore parla dei suoi riferimenti culturali, evidenziando il debito verso il santone Osho e due pseudoscienziati, Shelldrake e Lipton. Nel caso di quest'ultimo, Bruce Lipton, il maestro lo ricorda per il contributo che "le nostre credenze modificano il DNA". Sono un medico di Brisighella e ho incontrato numerose persone malate di tumore che sono state raggirate da maghi e santoni che hanno fatto credere loro proprio che "non sono necessarie, anzi, le cure tradizionali ma è la nostra credenza a eliminare la malattia che modificherà e/o eliminerà il tumore". Ecco, ritengo che sia grave che il Comune di Faenza offra spazi e pubblicità a queste idee, soprattutto in questo momento storico. La scienza medica ha bisogno di impegno e cura dei pazienti, non di guru pericolosi.

    07/03/2019 - Annunziata



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it