Giovedì 21 Marzo 2019

Commercio. Crisi dei centri storici: -10% di negozi. Il grido d'allarme di Caroli, Confcommercio

Sabato 9 Marzo 2019 - Faenza, Romagna Faentina
Paolo Caroli

La difficoltà di gestire un negozio: i costi fissi ammontano a 68 mila euro all'anno dice un'indagine di Confcommercio

Vetrine sempre più spente nei nostri centri storici che fanno registrare un meno 10% di negozi. A tanto ammonta il calo dei negozi nei nostri centri storici della provincia di Ravenna. Al contrario sono cresciuti hotel, bar e ristoranti. Lo rivela l'analisi dell'Ufficio Studi di Confcommercio realizzata su 120 città, analizzando l’andamento dello stock degli esercizi al dettaglio di 13 categorie merceologiche (tra cui alimentari, rivendite tabacchi, farmacie, carburanti, computer, telefonia, libri, giocattoli, tessili, abbigliamento, ferramenta, mobili, commercio ambulante) e degli alberghi e delle attività di ristorazione. 

 

La riduzione dei negozi dei centri storici è dovuto a scelte relative a scarsa redditività e competizione con e-commerce, centri commerciali, parchi e outlet e ad una ridotta accessibilità da parte dei consumatori.

“L'evoluzione delle attività commerciali, turistiche e dei servizi sta cambiato il volto delle nostre città, dai centri storici alle periferie. - dice Paolo Caroli, Presidente Confcommercio provincia di Ravenna - Il rischio serio che emerge è la desertificazione commerciale: ogni saracinesca abbassata è un impoverimento del tessuto economico e un indebolimento per le nostre città. Purtroppo, le normative esistenti dimostrano una debolezza e un’incapacità di offrire soluzioni adeguate. Governare la complessità urbana richiede uno sforzo collettivo e investimenti mirati a favore di nuove politiche e modelli di sviluppo."

 

"Il crescente fenomeno dei negozi sfitti nelle nostre città, ancor più evidente nei centri storici, è dovuto a cause diverse quali, ad esempio, la modifica del comportamento di acquisto, la mancata corrispondenza tra l’offerta commerciale e la mutata domanda del consumatore, problemi di vivibilità, accessibilità e declino urbano. - continua Caroli - Negozi di vicinato, pubblici esercizi, attività turistiche e servizi svolgono un ruolo economico e soprattutto sociale, generando relazioni di prossimità tra persone, spazi fisici ed economie locali, tanto nei centri storici che nelle periferie ove rappresentano anche un presidio fondamentale per alleviare la tensione sociale e il diffuso senso di insicurezza e per ricucire il legame tra persone, luoghi e imprese favorendo percorsi di legalità. La previsione di estendere al 100% dei nostri centri storici le ZTL, disposizione contenuta nel PAIR 2020, di cui poco si parla, ma che avrà un effetto devastante, non va in questa direzione e cioè che i nostri centri storici e le città devono essere i luoghi del futuro, accessibili con una capacità attrattiva determinata da due beni sempre più preziosi: lavoro e qualità della vita."

 

INDAGINE CONFCOMMERCIO RAVENNA: COSTI FISSI DI UN NEGOZIO PARI A 68 MILA EURO

Quanto spende un’attività commerciale all’anno per ‘costi fissi’? O meglio quali sono e quanto pesano i ‘costi fissi’ per un’attività? Per un’attività, infatti, ci sono almeno 13 ‘voci’ che dobbono trovare posto nel budget… e poco importa se si tratta di una nuova attività oppure se l’attività è storica, dice Confcommercio.

Per avere un quadro preciso di tali costi, Confcommercio provincia di Ravenna ha simulato conto alla mano, i costi fissi di un’attività commerciale di media metratura, in centro storico. Precisiamo subito quelli elencati sono costi fissi medi annui, nel senso che i dati sono frutto di un’elaborazione che riguardano più attività, appunto una media annua. Inoltre, tali costi sono gli stessi (escluso naturalmente il costo dell’affitto) sia che l’attività si trovi nel centro storico di Ravenna, oppure di Lugo, di Faenza o di Cervia.

Intanto, il peso maggiore riguarda ovviamente l’affitto del locale, circa 30.000 euro all’anno; tra i costi più elevati c’è l’energia per circa 2.100 euro, telefono per 1.600 euro e il gas per 1.500 euro. Per il consumo di acqua la spesa media è di 130 euro all’anno, quasi cinque volte per i rifiuti (600 euro): poi c’è il costo dell’insegna, difficilmente quantificabile, perché si paga oltre i 5 mq. Aggiungiamo il costo della sicurezza (circa 600 euro), Inail 318 euro (ogni socio paga 159 euro) e diritti camerali, altri 120 euro, e 150 euro per gli addobbi in occasione delle feste natalizie, e il totale arriva a 36 mila 918 euro.

A questa cifra va poi aggiunto il costo della pubblicità, che non quantifichiamo perché ogni attività può investire o meno per far promozione ai propri prodotti, e qui non ci addentriamo sulla materia, anche se per una campagna pubblicitaria cittadina occorre investire non meno di 3 mila euro.

Se poi aggiungiamo il costo non trascurabile (diremmo esorbitante) del personale, secondo Confcommercio la cifra aumenta e di molto: il costo annuo al datore di lavoro (per 40 ore alla settimana) di una commessa ‘ordinaria’ al 4° livello è di 31.000,00 euro; mentre una commessa ‘specializzata’, 3° livello, costa 35.600,00 euro annui. 

 

5Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Faenzanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@faenzanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Vorrei far riflettere il Signor Caroli, con il quale non ho nulla contro, anzi, per le mie spese mi reco anche presso il suo negozio, che su alcuni punti vorrei dire il mio pensiero, alla ztl sono contrario ma,in quanto troppo piccola, la vorrei allargare alle aree limitrofe, solo in questo modo si ridurrebbe l'uso delle automobili e si invoglierebbero le persone a girare finalmente a piedi ed in bicicletta senza pericoli per la propria salute, in una città che sarebbe facilmente attraversabile in questo modo rispettoso dell'ambiente, che, stranamente viene poco considerato, un saluto, giovanni donati

    09/03/2019 - Giovanni donati

  • Di questo passo, se le tasse non saranno drasticamente ridotte, la vedo dura. La sola a sopravvivere sara' la GDO.

    10/03/2019 - roberto

  • Basterebbe rimettere il parcheggio di Piazza Martiri non a pagamento e tornerebbe il doppio della gente!a Forlì hanno provato e l’esperimento è riuscito

    10/03/2019 - Enrico

  • Ora almeno il parcheggio in centro si trova, a mio avviso il problema principale è di prodotto e rapporto qualità/prezzo, più che le monete per il parcheggio. E più ancora che la gdo Amazon e soci...

    11/03/2019 - Francesco

  • Dunque, signor Comune? Si continua a far chiudere le attivita' o si possono liberalizzare i parcheggi? Non siamo mica milionari.

    11/03/2019 - sally



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it