Domenica 26 Maggio 2019

Cani in spiaggia. “Un mare anche per me”: la Proposta di Legge è ufficialmente depositata in Regione

Domenica 10 Marzo 2019

Il progetto regionale Un mare anche per me che ha presentato lo scorso 10 febbraio a Ferrara la proposta di legge regionale per l’Emilia-Romagna che prevede la regolamentazione dell’accesso alle spiagge da parte dei cani, da giovedì 7 marzo ha fatto un ulteriore passo in avanti, il testo è infatti stato ufficialmente depositato in Regione dal Consigliere Giulia Gibertoni del M5S. 

 

I referenti del Progetto confidano e auspicano "che tutte le forze politiche, già si sono espresse positivamente nel voler sostenere la Proposta di Legge, continuino a sostenerla. Si è infatti formato in Regione un Gruppo di lavoro trasversale composto da varie forze politiche, fra cui spiccano anche i Consiglieri Paolo Calvano del PD e Alan Fabbri di Lega Nord. Interesse è stato espresso anche da altre regioni italiane, che stanno approntando in queste ore una propria Legge regionale ispirandosi alla proposta di legge presentata in Emilia Romagna".

 

"Il progetto Un mare anche per me - continuano i referenti - non ha colore politico. Ad esso hanno aderito le maggiori associazioni animaliste e ambientaliste presenti sul territorio nazionale: Lega del Cane, Gaia Animali & Ambiente, LAV, Animal Liberation, Cruelty Free, Movimento Animalista, Animal Freedom, Earth Emila-Romagna, Enpa, Leidaa, Border’s Angels & Collie Rescue, Arca di Noè Piacenza, OIPA, A Coda Alta Onlus, AVEDEV, nonché associazioni turistiche ed imprenditori dell’area balneare, enti, università, oltre alle migliaia di cittadini e turisti che hanno dato la loro adesione attraverso una petizione".

 

Il referente del Progetto Giacomo Gelmi dichiara: “Non si vuole creare un accesso incondizionato e senza regole per i cani, bensì la possibilità di un accesso regolamentato e non obbligatorio, opportunamente disciplinato e con la previsione di sanzioni per i trasgressori. Inoltre, i gestori di concessione demaniale manterranno la facoltà di escludere i cani dal loro stabilimento, semplicemente con una comunicazione al Comune e apponendo idonea cartellonistica. Si vuole favorire la civile e corretta convivenza tra chi ama i cani e chi non desidera la loro presenza. Il tutto nel rispetto della sicurezza pubblica, della piena responsabilità del proprietario, oltre che delle norme igieniche”

 

Il promotore del Progetto Luca Delli Gatti, prosegue: “Il turista o la famiglia che desiderano passare delle vacanze al mare con il proprio cane saranno opportunamente informati circa le corrette modalità di accesso alla spiaggia e delle sanzioni previste in caso di trasgressione delle regole. Nel pdl sono state previste fasce orarie per la balneazione, opportunamente valutate in base all’affluenza dei turisti. La Proposta di Legge è articolata ed è stata costruita con l’ausilio di appartenenti ai settori del turismo e di medici veterinari dell’Università di Bologna, al fine di valutare e considerare anche il rispetto del benessere animale.”

 

L’avvocato Erika Delbianco di Gaia Animali & Ambiente che ha curato la parte legale del progetto assieme ad un team di avvocati esperti nel settore del diritto degli animali, ha dichiarato: “La proposta di legge mira ad un adeguato contemperamento degli interessi, favorisce il rispetto e il riconoscimento degli animali e vuole dare linee comuni di regolamentazione a tutti gli enti locali che si affacciano sull’Adriatico, così da uniformare gli orari di accesso al mare e le regole di accesso alla spiaggia lasciando comunque autonomia in ordine alle sanzioni e alle disposizioni di organizzazione per le spiagge libere. Da considerare che già altre Regioni si sono dotate di normative specifiche. Si ribadisce l’accesso senza limiti ai cani per non vedenti, ai cani da salvataggio, estendendolo anche a quelli per la Pet – Therapy.” 

3Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Faenzanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@faenzanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Non ho visto il WWF fra i promotori del progetto di legge presentato alla Regione. Invece hanno aderito diversi imprenditori balneari. E' stupefacente, ci si aspetterebbe un maggior impegno da parte del Presidente.

    10/03/2019 - luisa

  • I cani danno tanto affetto e non chiedono nulla. Purtroppo tanti proprietari non sono sulla loro lunghezza d'onda, ma e' solo colpa loro. Dunque perche' negare un po' di spiaggia ai nostri amici?

    11/03/2019 - roberta

  • Probabilmente LA Presidentessa del wwf italia non e' nemmeno al corrente di questa nobile iniziativa. Se non ci si muove dal basso...

    12/03/2019 - antonio



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it