Giovedì 21 Marzo 2019

CALCIO / La squadra manfreda subisce un altro k.o. Gardenghi sbaglia un rigore nel finale

Lunedì 11 Marzo 2019 - Faenza
Gardenghi e Roselli

Una pesante battuta d’arresto per il Faenza sconfitto dal Fya Riccione in uno scontro salvezza. Ancora una volta il terreno di gioco di casa del “Bruno Neri” non è stato amico, e la squadra biancoazzurra ha incassato una sconfitta. Amarezza accentuata dal rigore del possibile pareggio fallito dal leader Gardenghi a pochi minuti dal termine.

 

La partita inizia con il Faenza più attivo grazie al movimento di Bonavita, ma la prima conclusione è del Fya Riccione al 19’ con Piscaglia che colpisce il pallone di testa su azione di angolo, ma trova la parata sicura di Calderoni.

 

È il prologo al gol degli ospiti firmato al 21’ da Cecchetti liberato al tiro da una efficace ripartenza del Fya Riccione, condotta da Docente e Mani, che trova la retroguardia manfreda scoperta. 0-1. Al 26’ e al 35’ ci prova Basile: prima dal limite, senza dare problemi a Calderoni, e poi con un sinistro in diagonale incrociato che spedisce il pallone a lato.

 

È sempre la formazione ospite a creare occasioni in serie approfittando di una difesa faentina in apprensione. Al 36’ il temuto Docente spedisce di testa a lato, poi per due volte Basile approfitta di altrettante incertezze della retroguardia manfreda, ma prima mette sopra la traversa e poi è Calderoni a deviare la sua conclusione e negargli il gol.

 

Nel secondo tempo il Faenza subisce nei primi minuti le incursioni di Mani e Cecchetti non precisi al tiro, poi comanda il gioco e spinge alla ricerca del pareggio. Al 7’ su calcio d’angolo la palla arriva quasi sulla linea a Savioni che non riesce a buttarla dentro, poi al 22’ Tosi chiama alla plastica parata in tuffo Passaniti con un tiro dal limite. Passano i minuti e il Faenza non crea occasioni, nonostante l’impegno fino al 41’ quando su pallone indirizzato in area da Gardenghi, entra Teleman, ma non impensierisce Passaniti.

 

Due minuti più tardi il Faenza ha l’opportunità per pareggiare quando De Luigi affonda in area Bonavita che si appresta a girare a rete. L’arbitro Gallo concede il giusto calcio di rigore (appena il terzo a favore del Faenza in questo torneo) di cui si incarica capitan Gardenghi che forse però sente la responsabilità, indugia nella rincorsa, spiazza Passaniti, ma manda il pallone di due spanne a lato del palo. E su questo episodio cala il sipario.

 

Faenza: Calderoni, Missiroli (40’ st Venturelli), Albonetti (16’ st Lorenzo Franceschini), Fantinelli, De Luca, Teleman, P. Lanzoni (16’ st G. Lanzoni), Savioni (24’ st Malo), Bonavita, Gardenghi, Tosi (28’ st Roselli). In panchina: Tassinari, Diego Franceschini, Gavelli, Bertoni. All. Assirelli
Fya Riccione: Passaniti, De Luigi, Piscaglia, Alberigi (40’ st Davide Franceschini), Censoni, Righetti, Cecchetti (30’ st Perazzini), Lunadei, Docente, Basile, Mani (24’ st Merli). In panchina: Pompili, Ioli, Ghiggini, Pari, Zafferani. All. Lorenzi
Arbitro: Gallo di Bologna- assistenti Fornelli di Imola e Capasso di Piacenza
Reti: 21’ pt Cecchetti
Note:
Angoli: 5-4
Recupero : 0’ – 4’
Ammoniti: Piscaglia

0Commenti ...Commenta anche tu!



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it