Lunedì 22 Aprile 2019

Il nuovo libro di Renato Cappelli "L'eredità di Felice Orsini" presentato a Palazzo Laderchi

Mercoledì 10 Aprile 2019 - Faenza

Giovedì 11 aprile 2019, alle 21, a Palazzo Laderchi, corso Garibaldi 2, Faenza, l'Associazione Museo del Risorgimento organizza l'incontro con Renato Cappelli per presentare il suo libro "L'eredità di Felice Orsini" (Historica Edizioni). In collaborazione con la Bottega Bertaccini di Faenza.


Il mazziniano romagnolo Felice Orsini, la sera del 14 gennaio 1858 a Parigi, compì un attentato a Napoleone III, colpevole di aver posto fine alla Repubblica romana e di aver tradito gli ideali della Carboneria. L’Imperatore dei francesi subì il lancio di tre bombe con innesco a fulminato di mercurio e riempite di chiodi e pezzi di ferro, divenute poi celebri col nome di “Bombe all’Orsini”. La carrozza blindata gli permise di superare indenne l’attentato, Orsini e i suoi complici riuscirono a fuggire ma furono arrestati poche ore dopo. Processato e condannato a morte, Orsini fu ghigliottinato il 13 marzo 1858. Dopo un breve profilo biografico del personaggio e la descrizione dell’attentato a Napoleone III, il libro intende analizzare, a duecento anni dalla nascita, il lascito di Felice Orsini, l’eredità “morale” che la sua vita e il suo eclatante gesto hanno impresso nelle menti e nei cuori degli epigoni e degli ammiratori che a lui si sono più o meno direttamente ispirati. Renato Cappelli (1961), avvocato, si è già occupato del patriota meldolese nel volume "Il processo a Felice Orsini", Il Ponte Vecchio, 2008.

0Commenti ...Commenta anche tu!



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it