Sabato 25 Maggio 2019

LA POSTA DEI LETTORI / Quando partirà la raccolta porta a porta e tariffa puntuale nel faentino?

Mercoledì 8 Maggio 2019 - Faenza, Romagna Faentina
Discarica, foto di repertorio

Come Legambiente e Rete rifiuti Zero chiediamo alle attuali Amministrazioni dell'Unione della Romagna Faentina, e ai candidati sindaco di quelle future, quando partirà la raccolta porta a porta e la tariffazione puntuale in cui si pagano solo i rifiuti effettivamente prodotti. La riorganizzazione del sistema di raccolta, annunciata e partita in questi giorni, da parte di Hera, rappresenta forse un rallentamento dell'estensione della raccolta porta a porta che secondo la legge regionale deve entrare in vigore ovunque entro la fine del 2020?

 

Ce lo chiediamo perché le novità fin qui annunciate si limitano alla riproposizione dei classici e di alcuni nuovi,   cassonetti stradali, ora raggruppati in “isole ecologiche di base”, che avranno dei costi di ammortamento che possono rimandare nel tempo la piena realizzazione di un sistema di raccolta porta a porta, in cui ognuno paga per i rifiuti realmente prodotti.

 

Estendere, ovunque possibile, la raccolta “porta a porta” in modo da giungere al superamento dei cassonetti stradali serve anche a contrastare efficacemente gli “abusi” quotidiani che si verificano ovunque. Affrontare la   gestione dei rifiuti come questione ambientale non è però più un’opzione, ma un obbligo, reso pressante dal fatto che le questioni ambientali, il cambiamento climatico e lo sperpero delle risorse molto al di sopra delle possibilità di rigenerazione del pianeta, sono oggi una certezza conclamata.

 

Come dimostrano i dati statistici dei comuni della nostra regione, i migliori risultati in quantità e qualità sono raggiunti dai comuni porta a porta integrale con tariffa puntuale. “Nel Carpigiano i rifiuti indifferenziati da smaltire, dai 250 iniziali sono ormai sotto i 60 kg per abitante contro il doppio dei comuni a calotta - ha  dichiarato Natale Belosi, coordinatore della Rete Rifiuti Zero - mentre le impurità e quindi gli scarti delle frazioni differenziate nella calotta o nei contenitori stradali sono almeno 3 volte rispetto al porta a porta".

 

Risultato: lo spreco di risorse da bruciare o interrare si moltiplica. “La situazione richiede che si affrontino le criticità e i costi del sistema, che ricadono sui cittadini e le imprese. È necessaria una partecipazione attiva e puntuale dei cittadini alla gestione, basata sul  principio “chi inquina paga”- ha dichiarato Massimo Sangiorgi  presidente del circolo Legambiente “Lamone”-; l'obiettivo prioritario deve essere infatti la riduzione dei rifiuti prodotti, che si potrebbe raggiungere penalizzando l'eccesso di imballaggi, ma anche responsabilizzando le imprese produttrici e distributrici”.

 

Tra le misure possibili, che chiediamo siano le Amministrazioni Comunali a pretendere – e non invece delegate a  Hera - c'è la creazione di “Centri comunali per il riuso”, dove portare beni che possono avere ancora una vita utile; c'è la promozione della sostituzione dei distributori di acqua in bottigliette di plastica con erogatori di acqua microfiltrata, come stanno chiedendo gli studenti in diverse scuole, anche sull'onda del movimento Friday For Future. Cosa hanno dunque intenzione di fare i Comuni dell'Unione della Romagna Faentina, dopo le elezioni del prossimo 26 Maggio, che vedranno il rinnovo di 4 consigli comunali su 6?

 

La Rete Rifiuti Zero Emilia-Romagna e Legambiente chiedono ai candidati a Sindaco e a tutte le forze politiche   di pronunciarsi per confermare la scelta della raccolta porta a porta con tariffa puntuale su tutto il territorio, meglio se implementata su tutte le frazioni, da attuarsi entro i tempi stabiliti per legge. Renderemo note le risposte, in tempi utili prima delle elezioni amministrative, affinché i cittadini possano valutare la coerenza dei futuri amministratori.

 

Circolo Legambiente Lamone Faenza

4Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Faenzanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@faenzanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Il porta a porta integrale può andare bene per i centri storici (dove gli spazi sono angusti e gli edifici hanno un numero moderato di utenze) e le aree commerciali; per le aree residenziali periferiche è auspicabile un sistema con i cassonetti a calotta con badge. Ovviamente tutto con tariffa puntuale sulla base degli svuotamenti di indifferenziato effettivamente fatti. Il porta a porta nelle aree residenziali con grandi condomini è problematico, perché ogni utenza dovrebbe avere il proprio bidoncino per applicare la tariffa puntuale, se no diventa una tariffa puntuale di condominio...

    08/05/2019 - Francesco

  • La raccolta porta a porta è una forte limitaione della libertà dei cittadini, perché vanno rispettate giornate ed orari ben precisi! I contenitori negli appositi spazi sono sempre disponibili 24 ore al giorno! Poi dobbiamo tenere bidoni di tutti i colori, maleodoranti davanti alle nostre porte? Bisogna migliorare le cose, non peggiorarle.

    08/05/2019 - stanco

  • Visto il successo di Forli' i faentini cominciano a pensare dove portare i loro rifiuti.

    08/05/2019 - Luciano

  • Ottimo l'impegno di rete rifiuti zero ma e' imprevedibile il comportamento degli utenti, quali reazioni ci possiamo aspettare? Forli' docet.

    09/05/2019 - Roger



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it