Sabato 25 Maggio 2019

Buongiorno Ceramica! Botteghe e laboratori al centro del programma della V edizione

Lunedì 13 Maggio 2019 - Faenza
Gli stand degli artigiani davanti al Teatro Comunale di Faenza nelle precedenti edizioni

Si terrà nei giorni 18 e 19 maggio la quinta edizione di Buongiorno Ceramica!, progetto promosso e coordinato a livello nazionale da AiCC - Associazione Italiana Città della Ceramica. Il progetto mantiene la stessa formula degli anni scorsi e ha quindi come protagoniste 40 città di antica tradizione ceramica in Italia, con botteghe, laboratori e aziende ceramiche, artigiani e artisti, musei e operatori della ceramica impegnati nell’organizzazione di eventi, mostre e aperture straordinarie. 

 

In parallelo, la terza edizione di Good Morning Ceramics! si svolge anche all’estero, in diversi paesi europei. Consolidando il format proposto nell’edizione precedente, Faenza organizza per i due giorni un programma articolato con l’obiettivo di valorizzare botteghe, artigiani e artisti della ceramica e di far conoscere al pubblico questi luoghi ricchi di fascino in cui quotidianamente si produce ceramica. Dal 2018, Buongiorno Ceramica cade a Faenza nei giorni di Distretto A Weekend (17-18-19 maggio), progetto con cui è in atto una collaborazione, a partire dal fatto che alcuni spazi sono presenti in entrambi gli eventi. Buongiorno Ceramica rientra anche nel calendario di Maggio Faentino.

 

La vera novità di questa edizione è il mercato della ceramica faentina in Piazza Nenni, per tutta la giornata di domenica 19 maggio: un mercato dei ceramisti faentini, tra tradizionale e contemporaneo, per una giornata protagonisti insieme nel cuore del centro storico.

 

Saranno una ventina i ceramisti a presentare la loro produzione in un mercato all’aperto, dove il pubblico potrà trovare ceramiche artistiche e artigianali, spaziando tra arte, scultura, design, complementi d’arredo, oggetti per la casa e accessori moda: Studio d’Arte Amaretti, ARTE 49 di Maria Elena Boschi - Milena Scarpelli, Fosca Boggi, Ceramica Gatti 1928, La bottega di Gino Geminiani, Elvira Keller, Paola Laghi, Lega Carla Ceramiche d’Arte, Mabilab di Ivana Anconelli, Maestri Maiolicari Faentini di Lea Emiliani, Manifatture Sottosasso di Marco Malavolti e Lorella Morgantini, Morena Moretti, Bottega Mirta Morigi and Girls, Ceramiche Monica Ortelli, Ifigenia Papadopulu, Liliana Ricciardelli, Laura Silvagni “La Vecchia Faenza”, Studiocasalaboratorio di Maurizio Russo, Vassura Susanna Studio d’Arte, Studio d’Arte Carlo Zoli, 6243 Ceramic Studio di Lia Cavassi.

 

Durante il mercato, il Comitato organizzatore del Mondial Tornianti, con il coordinamento di Gino Geminiani, organizzerà una spettacolare performance di costruzione di un grande vaso in argilla a colombino, utilizzando 5 quintali di argilla.

 

Alle 18, sempre in Piazza Nenni, torna l'attesissimo Aperitivo del Ceramista, con il vino dei produttori del territorio, offerto da Associazione Torre di Oriolo, nei bicchieri in ceramica realizzati per l’occasione da 28 tra botteghe ceramiche e ceramisti faentini. I bicchieri saranno venduti tutti a 10 Euro. Accompagna la serata l'intervento musicale a cura della Scuola di Musica G. Sarti di Faenza con Leonardo Drei (sax) e Davide Villani (chitarra elettrica). L'aperitivo sarà a cura dell'Associazione Torre di Oriolo.

 

Gli eventi della domenica in Piazza Nenni si svolgeranno in contemporanea con la XXVII Festa della Cooperazione faentina in Piazza del Popolo, nell'ambito della quale si svolge anche la prima edizione di CoopeRun, una corsa-camminata non competitiva: nel pacco gara, con prodotti e gadget offerti dalle cooperative faentine, ci sarà anche l'invito a visitare il mercato della ceramica faentina.

 

Sabato 18 maggio, invece, il pubblico potrà andare alla scoperta di botteghe e laboratori ceramici faentini, seguendo il format degli anni scorsi, con 24 spazi aperti al pubblico ed eventi, dimostrazioni di tornio, decorazione, cottura ceramica e laboratori pratici in cui bambini e adulti potranno cimentarsi nella lavorazione dell’argilla. Quello delle botteghe e dei laboratori ceramici è un universo affascinante e spesso lontano dai riflettori, in cui quotidianamente l'argilla prende forma, viene lavorata da mani sapienti e forgiata al tornio, viene decorata, smaltata, essiccata e infine cotta, una o più volte, con svariati stili e tecniche che partono dalla tradizione per contaminarsi con metodologie innovative e con l'estetica contemporanea.

 

Tanti gli appuntamenti, tra cui diversi laboratori ceramici organizzati da Fosca Boggi, Arte49, Lega Carla Ceramiche d'Arte, Mabilab di Ivana Anconelli (Spazio Permanente Metodo B. Munari) e Bottega Mirta Morigi & Girls. A Mi.Mo Gallery, inoltre, sarà possibile vedere la mostra "Ceramiche dalla città di Gmunden", in occasione dei 10 anni di gemellaggio di Faenza con la città di Gmunden in Austria (inaugurazione 17 maggio, ore 18).

 

Alle botteghe che rappresentano il "presente ceramico" di Faenza, si aggiunge anche quest'anno una sorta di "riapertura" speciale, con un salto nella produzione ceramica faentina tra Settecento e Ottocento: sempre nella giornata di sabato, sarà possibile infatti visitare, unicamente su prenotazione, la collezione-museo delle ceramiche Ferniani, grazie alla disponibilità della Famiglia Ferniani.

 

Si tratta di una collezione di famiglia che raccoglie il campionario della produzione della manifattura Ferniani nei due secoli di vita. “Due secoli tondi” che vanno dal 13 ottobre 1693 - quando la fabbrica aprì i suoi battenti per volontà del conte Annibale Carlo - al 15 ottobre 1893 - quando il conte Annibale IV Ferniani decise di chiuderla definitivamente. Nelle 8 sale dedicate alla collezione si potranno ammirare i vari stili-famiglie dei decori su ceramica: dal barocco di fine Seicento all’eclettismo ottocentesco.

 

Sono proprie di quest’ultimo periodo le famose “robbiane Ferniani” che - con le semplici cromie del bianco e dell’azzurro - sono state uno dei vanti della manifattura, sia per ambienti interni sia per allestimenti ed installazioni esterne. La collezione è allestita permanentemente presso villa Case Grandi in località Errano, a pochi km da Faenza in direzione Brisighella. Prenotazione obbligatoria presso IAT-PRO LOCO FAENZA (voltone Molinella 2, Faenza - t. 0546 25231).

 

Sempre nella giornata di sabato, alle 19 sarà presentata al Museo Carlo Zauli la guida turistica "Le Città della Ceramica", realizzata da AiCC e Touring Club Editore, nell'ambito del progetto Mater Ceramica. Interverranno alla presentazione Pier Luigi Bazzocchi (Console regionale dell'Emilia-Romagna del Touring Club Italiano), Massimo Isola (Vice Sindaco di Faenza e Presidente AiCC) e il Senatore Stefano Collina (Presidente AEuCC - Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale "Città della Ceramica"). A seguire (ore 19.30), all'Hotel Vittoria sarà presentata l'installazione "Ceramica come se piovesse", a cura di Distretto A e Ente Ceramica Faenza.

 

Partecipano a Buongiorno Ceramica anche i musei faentini, in particolare Museo Carlo Zauli, con aperture straordinarie, anche nell'ambito di Distretto A Weekend, e la mostra Balancing di Mirco Denicolò, e Museo Diocesano, con la visita guidata alle nuove acquisizioni dal titolo Percorsi d'Arte, a cura di Michela Dal Borgo e Giovanni Gardini (18 maggio, ore 17.30). Per la seconda volta, aderiscono a Buongiorno Ceramica anche l'ISIA di Faenza e il Corso ITS (Corso Biennale di Tecnico Superiore per sostenibilità, sviluppo, design del prodotto ceramico).

 

L’ISIA di Faenza - istituto di alta formazione nell’ambito del design e della comunicazione - presenta La Ceramica Parallela, mostra a cura di Salvatore Arancio e Marinella Paderni (inaugurazione 18 maggio, ore 11). Inaugurata durante la Milano Design Week 2019, la mostra La Ceramica Parallela presenta un’installazione di piccoli e grandi totem in ceramica smaltata che rimandano ad una botanica fantastica, frutto di un lavoro di riflessione sul rapporto tra manualità artistica e design industriale grazie all’utilizzo di nuove tecnologie , tra cui la stampante 3D.

 

Un paesaggio di forme distopiche, ibrido di scultura e elementi d’arredo, realizzate dagli studenti del biennio specialistico in Design del Prodotto dell’ISIA di Faenza all’interno del workshop ceramico tenuto dall’artista Salvatore Arancio. La mostra è promossa in collaborazione con WASP, sponsor tecnico e azienda leader nel settore della stampa 3D, con le istituzioni Ente Ceramica Faenza, Fondazione Banca del Monte e Cassa di Risparmio Faenza e il Contamination Lab di Faenza. La mostra sarà aperta fino al 28 giugno 2018.

 

Il Corso ITS, unico in Italia per formazione tecnica ceramica interamente finanziato e rivolto a giovani e adulti diplomati, organizza l'evento  ITS Ceramic Lab alla Galleria Comunale d'Arte (Voltone Molinella), con un open day di presentazione dei corsi FITSTIC 2019/2021, laboratori di sperimentazione ceramica per ragazzi e adulti e l'esposizione di progetti e prototipi di tesi ITS (sabato 18 maggio ore 16.19; domenica 19 maggio ore 10-13 e 15-18).

 

Nella giornata di domenica ci saranno altri due eventi che coinvolgono le botteghe, entrambe nel filone ceramica & cibo: Piatto Unico e Solo, una collaborazione tra FM con gusto e la ceramista Elvira Keller (con lo chef Fabrizio Mantovani che a pranzo interpreta i piatti di Elvira Keller, che saranno acquistabili con o senza la proposta gastronomica) e Colazione in bottega, appuntamento ormai consolidato della bottega La Vecchia Faenza in collaborazione con Pasticceria Flamigni e Distretto A.


Tutti i dettagli su www.buongiornoceramica.it / www.enteceramica.it


Il programma faentino della quinta edizione di Buongiorno Ceramica! è organizzato da Ente Ceramica Faenza e Comune di Faenza, insieme a botteghe e laboratori ceramici, MIC - Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza, Museo Carlo Zauli, Museo Diocesano, ISIA Faenza, Corso ITS Faenza, Pro Loco Faenza, Famiglia Ferniani, Distretto A.

 

Ceramisti e botteghe ceramiche partecipanti Studio d'Arte Amaretti, Arte 49 Creazioni d'Arte di Maria Elena Boschi e Milena Scarpelli, Fosca Boggi, Victor Fotso Nyie, Ceramica Gatti 1928, La bottega di Gino Geminiani, Elvira Keller, Andrea Kotliarsky, Paola Laghi, Lega Carla Ceramiche d'Arte, Mabilab di Ivana Anconelli, Maestri Maiolicari Faentini di Lea Emiliani, Manifatture Sottosasso di Marco Malavolti e Lorella Morgantini, Etra Masi, Antonietta Mazzotti, Ceramica Monti di Vittoria Monti, Morena Moretti, Gianfranco Morini detto Il Moro e Angie Wiesner, Marta Monduzzi, Bottega Mirta Morigi & Girls, Daniela Neri - Art in Work, Ceramiche Monica Ortelli, Fiorenza Pancino, Ifigenia Papadopulu, Liliana Ricciardelli, Simona Serra, Studiocasalaboratorio di Maurizio Russo, Vassura Susanna Studio d’Arte, Laura Silvagni "La Vecchia Faenza", Noriko Yamaguchi, Studio d'Arte Carlo Zoli, 6243 Ceramic Studio di Lia Cavassi.

 

Partner tecnici Associazione Torre di Oriolo, Colorobbia. In collaborazione con Pro Loco Faenza, Scuola di Musica G. Sarti, Consorzio Faenza C'entro, IF Imola Faenza, Distretto A Weekend. Nell'ambito di Maggio Faentino www.maggiofaentino.it. Info per il pubblico Ente Ceramica Faenza / t 340 8643613 / e info@enteceramica.it.

0Commenti ...Commenta anche tu!



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it