Sabato 25 Maggio 2019

Faenza. Conclusa con successo la Stagione 2018/2019 del Teatro Masini

Lunedì 13 Maggio 2019 - Faenza, Romagna Faentina
Teatro Masini di Faenza

"Con gli ottimi risultati che, una volta ancora, il Teatro Masini ha messo a bilancio con la conclusa Stagione 2018/19, Faenza e tutti i suoi “pubblici” hanno dato ulteriore dimostrazione dello stretto rapporto che sentono con il loro Teatro, confermandone la centralità nella vita culturale della città" dichiarano da Accademia Perduta/Romagna Teatri.



"L’obiettivo congiunto dell’Amministrazione Comunale e Accademia Perduta/Romagna Teatri è sempre stato quello di fare del Masini un “Teatro di comunità”, qualcosa di più profondo di una serie di spettacoli in scena, uno dopo l’altro, nello stesso luogo. La grande adesione, attenzione e curiosità dei tanti e diversi “pubblici” che hanno attivamente partecipato alla Stagione 2018/19 conferma nuovamente il raggiungimento del traguardo prefissato" - prosegue la nota.


L’Assessore alla Cultura del Comune di Faenza, Massimo Isola, dichiara: “si è chiusa un’altra stagione straordinaria. Una nuova conferma di come la proposta del Teatro Masini sia parte fondante del sistema di comunità faentino. Tra proposte consolidate e trame di innovazione è andata in scena una stagione avvincente, che ha saputo fare numeri importanti evitando scorciatoie. Il palco del Masini si conferma spazio prezioso dove artisti, registi e attori propongono lavori importanti, spesso anteprime, che sanno appassionare Faenza. Tutte le stagioni hanno funzionato, senza distinzioni. Certo continua a stupire la passione con la quale la comunità vive la stagione del teatro ragazzi, la stagione a più alta densità civica, poiché utile alla creazione di nuove sensibilità e perché fornisce alle nuove generazioni importi stimoli culturali e sociali. La più giovane delle stagioni, il Cinema della verità, è già divenuto un appuntamento consolidato, e questa è una delle notizie più liete di questa stagione. Con la consapevolezza di avere intrapreso un percorso importante ci avviamo così a progettare la nuova stagione, nella quale introdurremo anche alcune novità creative.”


"La proposta culturale di alta e oggettiva qualità, diversificata per generi e linguaggi, nell’ambito di un progetto artistico sempre in evolvere, che sposa innovazione e tradizione, linguaggi popolari e momenti “sfidanti”, unitamente all’accessibilità di costi di biglietti e abbonamenti tra i più competitivi del territorio, sono senz’altro i fattori principali che determinano un successo che, anno dopo anno, continua a non conoscere flessioni" - sottolineano dall'Accademia Perduta/Romagna Teatri.


Per quanto riguarda la Prosa, è rimasto costante l’alto numero di abbonamenti e presenze, oltre 10.300 in 21 serate di programmazione. "Numeri che, considerata la capienza di 500 posti, parlano da soli - prosegue la nota - . Altissimo il gradimento registrato dalla rassegna attraverso i questionari di Customer Care compilati dal pubblico a consuntivo: circa il 90% degli intervistati ha qualificato positivamente gli spettacoli proposti, con particolare riferimento alla commedia A testa in giù con Emilio Solfrizzi di cui il Masini ha ospitato la “prima nazionale” e all’intenso La Classe di Vincenzo Manna, con Claudio Casadio e Brenno Placido, co-produzione di Accademia Perduta/Romagna Teatri grazie alla quale il Teatro manfredo consolida e rafforza il proprio ruolo di Centro di Produzione nel panorama del Sistema Teatrale nazionale".


In crescita gli abbonamenti registrati dai cartelloni di Teatro Comico
(433 contro i 419 della passata Stagione) e Protagonisti (206 contro i 187 della Stagione 2017/18): "Quest’ultimo inserito nella più ampia rassegna espressamente dedicata alla contemporaneità che ha avuto per protagonisti Federico Buffa, Simone Cristicchi, Enzo Iacchetti, Roberto Anglisani, Teatro Kismet e Davide Enia con L’abisso, altra produzione targata Accademia Perduta, unanimemente riconosciuto come uno degli spettacoli più belli e importanti dell’intera Stagione a livello nazionale" .


"Dell’ampio “ventaglio artistico” della Stagione hanno poi fatto parte i tradizionali appuntamenti operettistici e quelli dedicati alla Danza, cartellone che quest’anno ha inaugurato la prestigiosa collaborazione del Masini con la Fondazione Nazionale della Danza/Aterballetto e che ha portato sul palcoscenico proposte “multiculturali” e internazionali, dal balletto neoclassico alla danza contemporanea, fino al circo/danza degli ensemble francesi L’Eolienne e Libertivore - prosegue la nota-. 
Voluminosa, come ogni anno, è stata l’offerta per i bambini e le famiglie su cui Accademia Perduta/Romagna Teatri rivolge costantemente la sua principale attenzione, consapevole che l’universalità del Teatro Ragazzi sia una straordinaria e sempre più rara possibilità di condivisione costruttiva, senza distinzioni d’età o di provenienza culturale e sociale. Le rassegne Favole (programmate la domenica pomeriggio) e Teatro Scuola hanno portato sul palcoscenico faentino alcune delle eccellenze del teatro per ragazzi italiano, riconosciuto come uno dei migliori a livello europeo, con spettacoli di continue meraviglie e sorprese scenografiche, attoriali, narrative e musicali. Anche gli spazi del Ridotto sono stati parte integrante della Stagione, ospitando gli Incontri con gli Artisti, sempre molto partecipati e che offrono al pubblico momenti di discussione che aprono a ulteriori scenari di confronto e approfondimento culturale, e, per il quarto anno consecutivo, la rassegna “Il Cinema della Verità”, anch’essa protagonista quest’anno di una “prima nazionale”: quella del lungometraggio Solo cose belle di Kristian Gianfreda, realizzato in collaborazione con Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII, che proprio al Ridotto era “nato” con la sua iniziale fase di casting".


"Un’ottima Stagione, dunque, con tutti gli indicatori che convergono sottolineare come il Masini sia percepito sempre più come luogo di crescita culturale e svago, ormai legato alla “quotidianità” della sua comunità" concludono da Accademia Perduta / Romagna Teatri.

1Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Faenzanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@faenzanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Perchè nel bilancio finale non ci sono scritti quanti soldi danno i faentini a Accademia Perduta, quanti sponsor gli danno dei soldi e quanto incassa di biglietti e ci sono solo i numeri di presenze e nient'altro? Gianni

    14/05/2019 - Giannino



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it