Sabato 25 Maggio 2019

Elezioni europee. Padovani (Ln): "Dipendenti UE in pensione a 55 anni: via i privilegi alla casta"

Martedì 14 Maggio 2019 - Faenza
Gabriele Padovani

“Lo sapevate che i dipendenti dell'Unione europea vanno in pensione a 55 anni? - informa il faentino Gabriele Padovani, candidato leghista all'Europarlamento nella circoscrizione del Nord Est - Sapevate anche che gli ex commissari dell’Unione europea continuano a percepire un’indennita’ mensile pari al 65% del vecchio stipendio (svariate migliaia di euro netti al mese) come “compenso transitorio” per favorire il loro reinserimento nel mondo del lavoro? Da ultimo, sapevate che nel 2016 l’immensa macchina è costata ai cittadini contribuenti ben 9,2 miliardi di euro? Se è vero che termini come rigore, austerità, controllo dei conti, sono divenute familiari anche a chi non mastica di politica ed economia è anche vero che non tutti conoscono i costi e, soprattutto, gli sprechi dell’elefantiaca macchina suddivisa tra Bruxelles, Strasburgo e il Lussemburgo”.  

 

Padovani fa i conti in tasca all'Unione europea di oggi, dichiarando apertamente che “questa Europa è a un bivio tra continuare a fare orecchie da mercante o finalmente dare un segnale di solidarietà ai cittadini europei, ai quali vengono costantemente richiesti sacrifici”. “Sia chiaro – spiega l'eurocandidato del Carroccio -: se in punta di diritto, “tutti questi privilegi” sono regolari, vien da sé questi numeri assumono i contorni dello scandalo, in un momento storico come l'attuale in cui in tutti i paesi della Ue viene chiesto ai cittadini di stringere i cordini della borsa”.

 

Per Padovani siamo al cospetto di “un tale spreco dei soldi dei contribuenti che, se da una parte alimenta rabbia, indignazione e sfiducia nell’Europa, dall'altro rappresenta il simbolo dell'arroganza di chi viene a rompere le scatole a noi mentre “in casa loro” si permettono di fareciò che vogliono”. “E' bene che attraverso il voto del 26 maggio prossimo i cittadini siano consapevoli che possono (e devono) cambiare questa Europa, oggi a trazione franco-tedesca, per consentire all'Italia di rialzare la testa nel panorama internazionale e battere i pugni sui banchi di Bruxelles e Strasburgo, affinché anche le politiche comunitarie comincino a valorizzare quel brand straordinario che è il Made in Italy” conclude il candidato del Carroccio.

2Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Faenzanotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@faenzanotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Questo ragionamento non quadra: la "casta europea" come la chiama lui non è una lobby "che viene a rompere le scatole a noi" perché gli stiamo antipatici. È un apparato, in cui lavorano cittadini di tutta Europa, un sistema che ha dei costi che possono essere ridotti (idea che hanno tutti in Europa, dagli italiani ai polacchi ai tedeschi). La "trazione franco_tedesca" è la conseguenza dell assenza dell Italia, complice l isolamento in cui i camerati del nostro padovani ci hanno spinto, sono loro che ci hanno messo in un angolo. Quindi invece di blaterare di battere pugni sul tavolo, meglio impiegare le energie per riannodare i fili del dialogo...

    14/05/2019 - Francesco

  • Ma costui sa che alla Commissione Europea,che opera per 28 paesi, lavorano circa 32.000 persone (tra personale permanente e temporaneo) e che solo Roma capitale ha 23mila dipendenti? La Sicilia ne ha 17.000 mentre l'Emilia....non si sa..? Se costui non è d'accordo con l'Europa perchè si candida alle Europee? Gli fanno gola i circa 8000€ al mese di soldi nostri?

    15/05/2019 - Carlo



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it